Yotsuba &! Tutto quello che può farti ridere!

Questa estate 2019 ha segnato il ritorno di un manga che da tanto sognavo di poter leggere ancora: ritorno inteso non come sequel, ma proprio come “di nuovo in fumetteria”, perché Yotsuba&! di Kiyohiko Azuma era stato interrotto dalla Dynit, che lo aveva portato in Italia più di dieci anni fa, al volume 5, lasciando un vuoto in molti di noi. Ma la Edizioni Star Comics lo ha recuperato dall’oblio e ce lo ripropone dal numero 1, nell’edizione uguale all’originale.

Senza Yotsuba abbiamo trascorso giornate un po’ meno belle, perché la bimba protagonista di questa storia è l’archetipo della gioia di vivere! Senza un vero passato, entra di prepotenza nella storia, arrivando da chissà dove per un trasloco (come Satsuki e Mei, Il mio vicino Totoro n.d.A.) e subito si ride, per il semplice fatto che si rivela senza filtri e senza sovrastrutture. Lei non sa nulla. Non sa cosa sono oggetti di uso comune, non sa cosa sono dei “vicini di casa”, ma è entusiasta di tutto e tutto serve a insegnarle qualcosa.

La maggior parte di ciò che fa e che dice è un nonsense, e per questo scatena immancabilmente l’ilarità, ma quello che colpisce di Yotsuba è il suo modo di rapportarsi con quanto la circonda, e per comprenderlo basta riflettere su quella & che sembra far parte del suo nome e che serve, all’inizio di ogni capitolo, a rendere più significativo il titolo.

Yotsuba &! Star Comics

Ad esempio, il capitolo 3 del volume 1 dichiara: Yotsuba & – il riscaldamento globale; da questo momento percepiamo che il rapporto tra la bambina e questo tema di grande attualità (nel 2003, anno di pubblicazione in Giappone, si iniziava a prevedere il disastro che ci ritroviamo oggi tra le mani) non sarà qualcosa di superficiale, Yotsuba vivrà quanto le diranno sull’argomento, lo sentirà dentro di lei tanto da disperarsi, ci sarà tra loro davvero una specie di stretta unione commerciale. Chiaramente, tutto poi si conclude a suon di risate, quindi non immaginate scenari troppo drammatici.

Anche se di dramma nella storia personale della piccola sembra essercene, eccome, ma sarà qualcosa che verrà fuori molto lentamente lungo il racconto, prettamente episodico, delle “avventure” giornaliere della bimba, smorzato dall’aura di ilarità che ammanta il panorama. Ogni capitolo infatti corrisponde a un giorno consecutivo rispetto al primo, così che possiamo seguire la crescita della nostra Yotsuba quasi come quello di una figlia… Ieri ha combinato questo, oggi se ne starà tranquilla, e invece no, anche oggi troverà qualcosa di nuovo da arrembare e conquistare… come un piccolo pirata della vita, sempre in cerca di nuovi tesori.

Non pensiate che tale ardito parallelismo sia venuto fuori in modo casuale: infatti il logo che contraddistingue il titolo è la testa di Yotsuba stilizzata, con i suoi quattro codini che cercano di fuggire da quattro direzioni opposte. Beh, se lo guardate con occhi smaliziati vi accorgerete che è simile a un teschio con le due ossa incrociate, solo un po’ più tondo!

Lo stile grafico di Azuma è da ricollegare a quel 2003 di cui sopra, anno di pubblicazione del primo volume. Quindi ritroveremo un tratto nitido, volumi morbidi, occhioni irreali e luminosi, mimica bozzettistica; insomma, un tratto un po’ datato ma che si adatta perfettamente all’atmosfera dei racconti, anch’essi irreali e luminosi. Anche la narrazione è lineare, così come la regia delle inquadrature che rientrano nella tradizione classica dei punti di vista, mai spericolati o impensati, estremamente funzionale.

Se iniziate a leggere Yotsuba &! Vi accorgerete che anche per voi ogni giorno può essere un giorno felice, basta guardare le cose come fanno gli occhioni di questa bambina.

Silvia Forcina

Silvia Forcina

Non pratico il nerding estremo pur essendo nerd nell'animo, ma non ho niente da condividere con i Merd che popolano il mondo. So solo quello che non sono. Come Balto.

Commenta !

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi