Panini Planet Manga

The Boy and the Beast: manga o film?

theboyandthebeast

The Boy and the Beast

Esatto, sono quella che non è favorevole agli adattamenti a fumetti tratti da anime e lungometraggi, però qua c’è da fare una premessa, questo The Boy and the Beast mi aveva favorevolmente colpito già due mesi fa, a vederne la preview pubblicitaria, senza sapere che esistesse già il film. Insomma, un aneddoto basato sull’ignoranza, scusate. Resta il fatto che a scoprire che fosse un adattamento, ci son rimasta male. A stimolare la mia curiosità sono stati i disegni, di Renji Asai, così leggeri e piacevoli, e senz’altro anche il concept: questo confronto tra un ragazzino scapigliato e un grosso energumeno con sembianze di orso. Una riscrittura della celebre fiaba in chiave ironica? Come fa a non colpire?! D’altra parte stiamo parlando della mente creativa che ha già portato al successo i lungometraggi di La ragazza che saltava nel tempo, Summer wars e Wolf children, Mamoru Hosoda.

Da che incomincio? Dal manga: visto che l’arrivo nelle sale del film è imminente non dirò assolutamente nulla della trama, se siete interessati la saprete già, se ancora non sapete che fare vi assicuro che la trama del volume non è importante. Infatti di questo primo albo basta sapere il sottotitolo: L’allievo del demone, e che tutto il narrato copre appena la parte introduttiva della storia. Chiarissimo rimane che i protagonisti sono loro, il piccolo Kyuta (nome impostogli, collegato alla sua età) e Kumatetsu, l’orso antropomorfo. I disegni sono ben realizzati, i personaggi sono molto espressivi, caratterizzati con gusto e ispirano simpatia. Da quel poco che ho visto sono molto fedeli al character cinematografico, ma non è evidente nessuna forzatura nel tratto o nelle scelte stilistiche, quindi il giovane autore è stato scelto per affinità, direi. Per il momento è in corso di serializzazione ed esistono solo due numeri, per Planet Manga.

Locandina del film distribuito nel 2015

Locandina del film di The Boy and the Beast distribuito nel 2015

Il film: non vedo l’ora che esca nelle sale, perché visto che sono riuscita a non saperne nulla fino ad adesso la curiosità e la genuina allegria che mi ha messo il fumetto sono belle attive e pronte alla finalizzazione. Di Mamoru Hosoda ci sarebbe davvero tanto da dire, ma le sue opere parlano per lui. Affascinato dal fantastico che si mescola senza strappi nella quotidianità giapponese, affronta con ironia e divertimento temi anche molto delicati. Primo su tutti quello dell’unicità della persona: anche in questo caso i due personaggi sono a loro modo unici, individualisti, ma non chiusi al mondo, solo guardinghi. Infatti si incontrano, forse è il caso o forse doveva proprio succedere, e, dopo iniziali incomprensioni e resistenze, si scelgono a vicenda. Quello che sembra da intuire da tale premessa è che il motivo della scelta è lo scoprirsi affini: fallibili, solitari, insostituibili. Ma si sa che se gli opposti si attraggono, i simili fanno scintille! E credo che sarà divertente assistervi.

 

Il trailer ufficiale del film:

Arriva in Italia l’esclusiva mostra dedicata a Shingeki No Kyojin

Comunicato Stampa

Mostra_AttaccoGiganti_TrevisoLe mura di Treviso, dal prossimo 1 Luglio, torneranno ad avere una funzione difensiva. I giganti, dal Giappone, stanno arrivando in Italia, la città non sarà più al sicuro. Fortunatamente potremo contare su Eren, Mikasa e tutti i soldati: come nel manga, faranno il tutto per tutto per salvare l’umanità dall’Attacco dei Giganti.

Dopo il successo di WALL TOKYO, WALL OITA,WALL OSAKA, WALL TAIPEI,  WALL SAPPORO, Treviso ospiterà la prima parte WALL ITALIA, la mostra omaggio a Shingeki No Kyojin. Per la prima volta in Europa saranno presentate  alcune delle tavole che hanno dato vita alla celebre serie manga scritta e illustrata da Hajime Isayama in un’esposizione selezionata appositamente per il pubblico italiano, che calerà il fruitore in una nuova realtà, un’esperienza emozionale, rendendolo partecipe come i protagonisti del manga stesso.

Il progetto rappresenta il momento clou del Nipponbashi d’Estate, il festival giapponese che ormai, da anni, celebra e diffonde la sfaccettata cultura nipponica.

Il manga Shingeki No Kyojin esce in Giappone nel 2009 e da allora è sempre in vetta alle classifiche. In Italia arriva nel 2012 e, sin da subito, ha riscontrato notevole successo, tanto che i 17 volumi di cui al momento si compone la serie sono stati tutti ristampati più volte e hanno generato ad oggi ben quattro romanzi e due serie spin-off.

La mostra, attesissima dai numerosi fan, sarà suddivisa in due aree, l’una il continuum dell’altra: a Luglio, durante il Nipponbashi a Treviso verranno esposte le tavole e gli artworks secondo un percorso atto a far vivere le sensazioni evocate dal maestro Isayama, cominciando dalla paura.

A  fine Ottobre, poi, la mostra si sposterà in un’altra città italiana famosa per la lunghissima cinta muraria: Lucca. Durante il Lucca Comics and Games, infatti, si svolgerà  la seconda parte della mostra.

Le mura, dunque hanno una funzione difensiva, ma proprio come insegnano i protagonisti di Shingeki No Kyojin, è solo oltrepassandole che si può conoscere ciò che accade al di la. La mostra dedicata all’opera di Isayama  lascerà i confini giapponesi per arrivare in Italia, per la prima volta; sarà compito dei fan valicare le proprie mura e avere l’occasione di essere parte di un’esperienza unica e irripetibile.

Online il sito con i dettagli della mostra

www.wallitalia.it

 

Dal  1 Luglio a Treviso per il NIPPONBASHI D’ESTATE
Sede Complesso Umberto 1, Borgo Mazzini
fino al 17 Luglio 2016

INAUGURAZIONE 2 Luglio ore 19
Dal 28 Ottobre 2016 a Lucca per LUCCA COMICS & GAMES

 

In collaborazione con Dynit e Panini  Planet Manga

 

NIPPONBASHI D’ESTATE

Nipponbashi letteralmente significa “ponte per il Giappone” e il Nipponbashi d’Estate è il  festival che lo celebra in tutte le sue forme.

Quest’anno, giunto alla VI edizione, si conferma come una delle più importanti rassegne nazionali dedicate alla cultura nipponica.

il Nipponbashi d’Estate nasce dalla volontà dell’omonima associazione culturale, con l’obiettivo di far conoscere una delle culture più antiche e variegate e coinvolgere i visitatori in attività ed eventi  propri della società nipponica sia contemporanea che tradizionale, lontani dallo stereotipo che vede il Giappone come una “macchina produttrice di sushi”.

Nei tre giorni di festival si susseguiranno spettacoli, conferenze, workshop, ma anche momenti legati al folclore giapponese, come la sfilata dei cosplayers e il concerto d’apertura di Cristina D’Avena oltre alla possibilità di gustare i veri piatti della cucina nipponica alla Giapp’Osteria.

Sono previste 5 mostre d’arte tra cui una dedicata al Kimono, con esposizione di pregiati pezzi antichissimi e l’altra, legata al mondo contemporaneo, che è la mostra omaggio al manga fenomeno del momento Shingeki No Kyojin, L’Attacco dei Giganti.

Vedi il programma su www.nipponbashi.it