Orange

Trailer e visual di Orange

Quest’estate, a Luglio, debutterà sugli schermi televisivi Giapponesi Orange, tratto dall’omonimo manga scritto e disegnato da Ichigo Takano e pubblicato in italia da Flashbook (lo abbiamo recensito QUI) .

Orange_anime

Il fumetto della Takano è stato anche candidato al prestigioso Premio Tezuka (vinto però da Yotsuba&! di Kiyohiko Azuma) e ha ricevuto un adattamento cinematografico che è valso ai due giovani interpreti Tao Tsuchiya e Kento Yamazaki il premio “esordiente dell’anno” ai recenti Japan Academy Awards (Nippon Akademī-shō).

Orange-Anime-Visual-02-1

Prodotto dalla TMS Entertainment (Yowamushi Pedal, Detective Conan) e dalla Telecom Animation Film (Aikatsu!,Phantasy Star Online 2: The Animation) la serie è diretta da Hiroshi Hamasaki (Steins;Gate, Terra Formars) e scritta da Yuuko Kakihara (Chihayafuru 2, Persona 4: The Animation) per il character design di Nobuteru Yuuki (Space Battleship Yamato 2199, Xenosaga)

Questi i tre trailer usciti fino ad oggi:

 

Amicizia e lacrime ai “tempi” di Orange

ORANGE001

Tra i recenti candidati al Premio Tezuka, in pratica l’Oscar dei Manga del Sol Levante (di cui abbiamo parlato qui) spicca il titolo di Orange, storia scritta e disegnata da Ichigo Takano, recentemente conclusa al quinto volume, per le edizioni Flashbook, unico titolo tra i selezionati ad essere pubblicato (e concluso) in Italia (a parte la “triste” storia editoriale di Yotsuba&!, interrotta mille anni fa e che davvero meriterebbe di ritornare nelle fumetterie).

Passato quasi inosservato o comunque senza troppi clamori qui da noi, Orange è in Giappone uno dei titoli più amati degli ultimi anni, già trasposto in anime e in film live action e con una serie spin-off pronta a partire: l’autrice a metà serializzazione aveva deciso di abbandonare la carriera di mangaka, cambiando poi fortunatamente idea e tornando a completare le tavole dei complessivi cinque tankobon della sue serie.

È davvero difficile inserire quest’opera in un genere: ci sono gli elementi della commedia scolastica, con i primi amori nati tra i banchi del liceo, il dramma e la fantascienza, quella intrigante alla J. J. Abrams. Infatti la storia si svolge su due assi temporali, o due universi, completamente diversi.

(Se avete intenzione di leggerla, attenzione, nella trama potrebbero esserci degli spoiler!)

OrangeFriends

I cinque amici, le ragazze Naho (la protagonista), Takako e Azusa, e i ragazzi Suwa e Hagita, si ritrovano per disseppellire la capsula del tempo che avevano preparato dieci anni prima, al tempo del liceo. Insieme a loro, in quella occasione, c’era anche Kakeru Naruse, un ragazzo malinconico, arrivato da un’altra città, con cui avevano stretto una forte amicizia, stroncata prematuramente dal suicidio del giovane. Allora Naho si era innamorata di Kakeru, senza mai riuscire, per timidezza, ad esprimere i sui sentimenti; anche gli altri ragazzi provano dei rimpianti ripensando a lui, avrebbero voluto comportarsi in modo diverso e riuscire ad aiutare l’amico di allora. Ora Naho e Suwa sono sposati e hanno un figlio, sono felici, eppure il ricordo di Kakeru li tormenta e li intristisce… se solo si potesse cambiare il passato! Potendo tornare indietro rifarebbero le cose in maniera completamente diversa, sapendo quello che sanno forse sarebbero in grado di aiutarlo, di salvarlo da quella disperazione che lo aveva portato alla morte… Forse, scrivendo una lettera al loro stesso del passato, magari…

Orange.(Takano.Ichigo)

Il centro di tutta la storia è questo: il desiderio, altruistico, di riuscire a rimarginare le ferite dell’animo, creare, per una persona che si ama, un nuovo futuro e una nuova speranza. I rimpianti non sono mai positivi, ma l’agire, anche in modi che sembrano insensati, non è mai sbagliato. Ma soprattutto: non aver paura di esprimere i propri sentimenti, non lasciare che una persona a cui si vuol bene si allontani, per timidezza e semplicemente per timore di essere rifiutati, o peggio per orgoglio. Questa storia, che si struttura in modo complesso in flashback e ritorni al futuro, parla essenzialmente di questo: se provate affetto per qualcuno, non siate egoisti, perché non si torna indietro, le azioni compiute, le scelte fatte, portano conseguenze, su noi e sugli altri. Vivete il momento al meglio, rompete gli schemi mentali o convenzionali, dimostrate chi siete e cosa provate: gli altri, quelli che contano, sapranno capirvi.

Orange-manga

La Takano riesce a trascrivere questi complicati e delicati passaggi dell’animo con un disegno nitido e aggraziato, con linee sottili e delicate che compongono vignette malinconiche in perfetto stile shoujo. L’intera opera risulta così estremamente sentimentale e di forte presa emotiva, per quanto non sono i personaggi quelli che entrano nell’immaginario, quanto il valore della stessa vicenda. In altre parole, anche se Naho e Kakeru risultano esteriormente graziosi e interiormente stimabili, non prevaricano l’impianto della trama e dei sui temi, non entrano nel nostro immaginario nerd come una Usagi e un Mamoru. Il vero valore è nella storia e nel modo in cui l’autrice le permette di svolgersi, creando il ricordo indelebile (questo sì) di un quadro adolescenziale in cui ci si può immedesimare, piangere, sorridere, commuoversi e gioire per le piccole vittorie ottenute.

orange

 

Un titolo da avere, senza alcun dubbio: l’edizione, come è solito per la Flashbook, è molto buona, con sovracoperta molto aderente all’edizione originale, ma che vi consiglio vivamente di togliere al momento della lettura perché, e soprattutto nell’ultimo numero è importante farlo, sulla copertina sottostante è presente una seconda versione dell’illustrazione ufficiale. E nel volume 5 è a forte rischio lacrime.

Orange-3-home

 

Premio Tezuka 2016 – Le Nomination

Sul quotidiano Asahi Shimbun sono state pubblicate le sette nomination per la ventesima edizione del Tezuka Osamu Cultural Prize. Il premio, conosciuto anche come Premio Tezuka, intitolato al dio dei manga Osamu Tezuka (Astro Boy, Kimba, Black Jack) viene assegnato annualmente all’opera che meglio ha rappresentato il fumetto giapponese.

Questi i candidati:

OrangeOrange di Ichigo Takano pubblicato da Futabasha

Naho Takamiya è una timida sedicenne che riceve una lettera dalla sé stessa dal futuro. Qui trova istruzioni dettagliate sulle azioni da intraprendere per evitare che Kakeru Naruse, una nuova studentessa appena trasferita nella sua scuola, sprofondi nella depressione e si suicidi.

 

 

 

 

 

 

Golden KamuyGolden Kamuy di Satoru Noda pubblicato da Shueisha
Un soldato del conflitto Russo-Giapponese è diretto in Hokkaido in cerca del tesoro nascosto degli Ainu, si confronta con criminali e schiaccianti forze della natura. Qui incontra una ragazza Ainu che gli salva la vita.

 

 

 

 

 

 

 

Kodoku no GourmetKodoku no Gourmet scritto da Masayuki Kusumi e disegnato da Jiro Taniguchi pubblicato da Fusosha
Storie brevi incentrate sulle vicende gastronomiche di un venditore in giro per il Giappone.

 

 

 

 

 

 

 

ChihayafuruChihayafuru di Yuki Suetsugu pubblicato da Kodansha
Chihaya Ayase è una ragazza schietta e vivace che rimane affascinata dall’oscuro mondo del karuta, un gioco di carte basato sulla poesia giapponese. Viene introdotta ad uno stile di gioco aggressivo dalla riflessiva e silenziosa compagna di classe Arata Wataya con la quale diventa rapidamente amica. Cominciano a giocare in gruppo insieme a Taichi Mashima, un  amico di infanzia di Chihaya, fino a quando si debbono separare durante le scuole medie. I Tre si reincontrano una volta alle superiori.

 

 

 

 

 

Cho-no-MichiyukiCho-no-Michiyuki di Kan Takahama pubblicato da Leed Publishing
Nel distretto di Maruyama di Nagasaki, una storia d’amore e morte coinvolge una cortigiana ed un uomo molto malato.

 

 

 

 

 

 

 

Hanagami SharakuHanagami Sharaku di Kei Ichinoseki pubblicato dalla Shogakukan
Ambientato nel periodo edo, il secondogenito di un ufficiale della città lavora come flautista al teatro Nakamura-za per il maestro kabuki Ichikawa Danjūrō V. Alla morte del fratello maggiore deve però imparare a diventare un guerriero. Allo stesso tempo un serial killer sta assassinando le giovani ragazze di Edo.

 

 

 

 

 

 

Yotsuba&!Yotsuba&! di Kiyohiko Azuma  pubblicato da MediaWorks
La famiglia Koiwai, composta dalla piccola Yotsuba e da suo padre, si è trasferita in una nuova città. Diventa subito chiaro ai nuovi vicine che la piccola è una ragazzina davvero strana…

 

 

 

 

 

 

 

Le nomination sono state scelte tra titoli raccomandati da specialisti del settore e dipendenti delle librerie. Per essere candidato il manga deve aver pubblicato almeno un volume nel 2015. Il titolo più raccomandato è stato Orange.

I vincitori verranno annunciati dall’Asahi Shimbun all’inizio di Aprile e la cerimonia di premiazione si terrà il 29 Maggio.

Dimension W – l’anime tratto dal manga di Yuji Iwahara

Domenica 10 Gennaio è andata in onda su Tokyo MX (e in contemporanea su VVVVID) la prima puntata di Dimension W.

Dimension-W-Anime 01

Nell’anno 2072, i problemi energetici del mondo sembrano essere stati risolti da un network di induttori inter-dimensionali (i ”coils” – “bobine”) che estraggono energia da una fonte apparentemente infinita chiamata Dimensione W. Protagonisti della serie sono Kyoma e Mira impegnati nel recupero di alcune “coil” illegali.

Dimension-W-Anime-02

Dimension W è tratto dall’omonimo manga scritto da Yuji Iwahara e pubblicato su Young Gangan della Square Enix sin dal 2011.

Dimension-W-Anime-03

Prodotta dallo Studio 3Hz (Sora no Method) e Orange (Norn9: Norn + Nonette, Ginga Kikoutai Majestic Prince) la serie vede alla regia Kanta Kamei (Usagi Drop, Saenai Heroine no Sodatekata) con il character design di Tokuyuki Matsutake (Taiho Shichauzo, Medabots) e le animazioni di Majiro (Code:Breaker, Nagareboshi Lens).