Kazuhiro Fujita

Le Perfume in 2.5 dimensioni

Come spesso accade la celebrità mondiale a certi oggetti o fenomeni viene data non tanto dallo scopritore, ma da chi riesce a imporli al mercato e a farli conoscere. Se oggi in tutto il mondo si usano le parole allegro e do re mi per la musica, o chef e mousse per la cucina, o manager e benchmark per l’economia è perché italiani, francesi e inglesi sono riusciti meglio di altri a interpretare e comunicare quei temi. Lo stesso è successo con i giapponesi e l’intrattenimento: termini come otaku e cosplay sono ormai nel dizionario italiano, e altre come senpai o waifu sono all’ordine del giorno sul web e per gli under 30. C’è poi un’espressione già molto comune in Giappone che non lo è ancora in Italia benché sia semplice e perfetta: 2.5 dimensioni, oppure 2.5D. Indica tutto quel mondo a metà fra il 2D (la finzione) e il 3D (la realtà), una terra di mezzo che i giapponesi conoscono molto bene non solo a livello narrativo, ma anche sociale. Ovviamente i giapponesi non hanno inventato il 2.5D, basti pensare a Mary Poppins o Tron, ma loro l’hanno elevato a condizione quotidiana e continua. Un paradigma di questo mondo contemporaneamente reale e immaginario è rappresentato dal gruppo musicale delle Perfume.

Screenshot del videogioco "Sonic the Hedgehog".

Il 2.5D ha uno specifico significato nel mondo dei videogiochi: rappresenta quella grafica in cui si simula il 3D attraverso il 2D, oppure si usa veramente il 3D però solo per sfondi o dettagli perché poi la meccanica di gioco resta piatta in 2D, come accade nella serie Sonic the Hedgehog.

Le Perfume sono un girl group composto da A~chan, Kashiyuka e Nocchi, tre cantanti e ballerine di Hiroshima che si sono auto-costituite come gruppo nel 2000, quando ancora andavano in classe insieme alle superiori e frequentavano un corso di arti performative alla scuola ASH della loro città. Come i giapponesi non hanno scoperto il 2.5D, tantomeno le Perfume ne sono state le prime rappresentanti.

La storia del 2.5D in Giappone inizia almeno nel 1989, quando Masamune Shirow disegna il capolavoro Ghost in the Shell con cui conclude il periodo della storia dell’arte giapponese figlio dello shock della bomba atomica e inaugura quello della commistione fra reale e virtuale. Il fumetto stesso è già il testimone fisico di questa rivoluzione, realizzato per metà a mano e per metà in CG, e i film che ne trarrà Mamoru Oshii amplificheranno ulteriormente questo metodo lavorativo.

Da allora l’intera cultura visiva giapponese si baserà sulla fusione fra reale/irreale, uomo/macchina, animato/inanimato. In quello stesso 1989 esce Tetsuo di Shin’ya Tsukamoto, nel 1990 Sogni di Akira Kurosawa, nel 1995 Neon Genesis Evangelion di Hideaki Anno e nel 1998 serial experiments lain di Yasuyuki Ueda e Yoshitoshi ABe, giusto per citare gli esempi più illustri e lampanti. La poetica giapponese del 2.5D rappresenta un superamento delle opere dal vivo con inserti animati (o viceversa) di produzione statunitense: 2.5D vuol dire che un certo soggetto è contemporaneamente sia reale sia immaginario, senza chiara distinzione fra le due condizioni né superiorità di una sull’altra.

Immagine pubblicitaria di "Shin Godzilla" di Hideaki Anno.

Hideaki Anno ha dato la sua interpretazione filosofica del 2.5D con il film Shin Godzilla, il cui slogan era proprio «Realtà vs Finzione».

Le Perfume si inseriscono quindi in un filone concettuale che al loro debutto nel 2000 era già molto maturo e molto sfruttato. La peculiarità che rende queste tre cantanti dei casi-studio è che loro sono costantemente nella condizione di 2.5D, per statuto. Da quando sono state reclutate dal loro produttore, compositore e paroliere unico Yasutaka Nakata, le Perfume hanno smesso di essere ragazzine carine e hanno iniziato a recitare la parte delle androidi, con la stessa costanza del vecchio mago cinese di The Prestige che non esce mai dal ruolo nemmeno fuori dal palcoscenico.

Copertina di "Kareshi boshuuchuu" e fotogramma di "Vitamin Drop" delle Perfume.

Le Perfume degli esordi presentavano già elementi 2.5D: in alto la copertina del singolo del 2002 Kareshi boshuuchuu (“Ragazzo cercasi”), sotto un fotogramma del videoclip del 2004 Vitamin Drop in cui le cantanti sono sia reali sia disegnate.

A partire da Linear Motor Girl del 2005 a Polyrhythm del 2007 tutti i videoclip delle Perfume sono stati realizzati in chroma key inserendo le tre cantanti in mondi elettronici fatti di schede madri giganti, cavi che generano fiori e città vettoriali. A partire dal 2008 ai video in CG si affiancano quelli girati in scenografie reali che comunque rappresentano ambienti astratti, come le stanze lisergiche di One Room Disco o il banchetto rosa di Spice. In alcuni casi l’irrealtà è denunciata esplicitamente, come nel set televisivo di Secret Secret o in quello cinematografico di Natural ni koishite. Spesso poi si assiste alla moltiplicazione delle Perfume, essendo loro androidi e non umane, come nel grigio Nee o nel bianco Sweet Refrain.

Copertine di "GAME", "⊿", Spending all my time" e "Magic of Love" delle Perfume.

Quattro copertine di album e singoli delle Perfume. Le tre ragazze/androidi sono sempre in ambienti virtualizzati, 2.5D e robotici, come esemplificato nel videoclip di Spring of Life, manifesto della loro condizione non-umana.

La vicenda ha raggiunto la sua naturale evoluzione nel 2013 quando le tre Perfume sono diventate per la prima volta parte di un cartone animato: il loro singolo Mirai no museum è stato usato come sigla di coda per il 32esimo film di Doraemon Nobita no himitsu dougu museum e per gli episodi della serie TV per la prima metà di quell’anno, in cui compaiono le tre cantanti in versione cartone animato con lo stile grafico di Fujiko F. Fujio.

Al contrario della graziosa ED dell’anime, introdotta dalle Perfume stesse, il videoclip della canzone è bruttarello, ma le Perfume vi raggiungono lo stadio definitivo del 2.5D comparendo contemporaneamente sia reali sia disegnate. Nel video Nobita manda al giovane sé stesso del passato non il gattone robot, ma bensì le tre Perfume, parodiando la storia originale. Ad aggiungere un ulteriore raffinato livello interpretativo realtà/finzione ci sono le citazioni ai precedenti videoclip di Spring of Life e Spending all my time i quali presentavano già situazioni di surrealtà.

Immagine promozionale e copertina del singolo "Mirai no museum" delle Perfume.

In alto le Perfume coi costumini da detective per il film di Doraemon Nobita no himitsu dougu museum, e in basso la copertina del singolo Mirai no museum disegnata come fosse un volume del fumetto di Doraemon. Il booklet è in effetti un fumetto, o meglio quello che i giapponesi chiamano film comic, dato che presenta la storia del videoclip impaginata a fumetto usandone i fotogrammi come vignette.

Nel 2015 le Perfume hanno sperimentato la loro seconda incarnazione animata, stavolta in computer graphic e con la prestigiosa firma di Yoshiyuki Sadamoto. Non si è trattato però di una collaborazione con qualcuno dei numerosi progetti multimediali seguiti dal mangaka, bensì di uno spot TV pubblicitario per la casa automobilistica Mercedes Benz. Nell’immaginazione di Sadamoto le tre ragazze si sono trasformate in un ibrido umano-macchina, disegnando per loro costumi di scena che rispettano lo standard imposto: le cantanti hanno sempre capelli e abiti identici (rispettivamente A~chan capelli medi e gonna al ginocchio, Kashiyuka capelli lunghi e minigonna, Nocchi capelli corti e pantaloni), d’altronde essendo androidi e soggetti di finzione, come i personaggi degli anime non cambiano mai d’aspetto.

I costumi ideati da Yoshiyuki Sadamoto sono stati realizzati davvero e indossati dalle Perfume durante l’evento di presentazione della nuova vettura Classe A, un evento in 2.5D dato che le cantanti hanno condiviso il palco con le loro stesse in versione ologramma.

Altri due anni dopo, in questo 2017 le Perfume sono tornate nel mondo ibrido del 2.5D. Stavolta l’occasione si è presentata grazie all’azienda multinazionale YKK: la celebre produttrice di cerniere lampo ha infatti deciso di farsi pubblicità anche fra i più giovani sfruttando il loro stesso linguaggio, cioè quello degli anime. A fine 2014 la YKK ha infatti caricato sul suo sito e su YouTube un cortometraggio animato intitolato FASTENING DAYS in cui due bimbi, Yoji e Kei, salvano il mondo grazie al loro aggeggio spara-zip sul polso. In quest’occasione le Perfume hanno solo fornito la loro vecchia canzone Hurly Burly come sigla finale.

Fotogramma di "FASTENING DAYS".

Yoji & Kei save the day coi loro costumi in incognito, accompagnati dall’orsetto robot Oscar.

Il corto è stato realizzato dallo Studio Colorido, che ha ormai esperienza in questo genere di prodotti dato che aveva già curato le campagne pubblicitarie del gioco per smartphone Puzzle & Dragons e dei ristoranti McDonald’s. Stavolta si è trattato di un lavoro più complesso perché prevedeva l’elaborazione di una narrazione di senso compiuto: lo staff dello studio, guidato dal regista Hiroyasu Ishida, ha prodotto una storia molto semplice in cui la zip è usata come metafora delle relazioni sociali, e Yoji e Kei usano i loro bracciali tecnologici per tenere insieme le persone e le cose. Nella pratica i due bimbi sparano chilometri di zip e saltano dai palazzi come l’Uomo Ragno per restituire palloncini ai bambini e salvare la nonnetta Anna sulla sedia a rotelle.

Nel 2016 la YKK ha finanziato allo Studio Colorido un secondo cortometraggio, e se il primo era assurdo questo secondo lo è ancora di più, dato che stavolta Yoji, Kei e la new entry Kelly devono bloccare una nave da crociera alla deriva con le loro cernierine. È ancora più forte la metafora della zip che unisce persone, etnie e culture diverse, e anche stavolta ED con canzone delle Perfume, Hold Your Hand.

Infine, nel 2017 arriva FASTENING DAYS 3, se possibile ancora più assurdo dei precedenti e stavolta diviso in tre miniepisodi. La novità stavolta è l’arrivo delle Perfume come personaggi e doppiatrici: gli animatori dello Studio Colorido, stavolta guidati dal nuovo regista Tomotaka Shibayama, hanno ridisegnato le Perfume come personaggi ininfluenti sulla trama, le hanno collocate una per ogni miniepisodio, e hanno scelto come sigla finale Sweet Refrain che ha nel testo dei minimi collegamenti con le zip, tipo il verbo “allacciare”.

Le Perfume in "FASTENING DAYS 3".

Da sinistra: Kashiyuka passione pasticciera, Nocchi passione postina, e A~chan passione protezione civile.

Contemporaneamente al mondo dell’animazione, le Perfume entravano anche in quello della computer graphic, e ai massimi livelli. Oltre al produttore/autore, l’intero staff delle Perfume è composto da membri fissi: la coreografa, il regista, il tecnico degli effetti speciali, il grafico eccetera, costoro sono effettivamente “Perfume”, dato che la performance finale è il palese risultato di un forte lavoro di squadra precedente. Ne sono la prova le due esibizioni ai festival di arti multimediali contemporanee Cannes Lions del 2013 e SXSW ad Austin nel 2015. In entrambe le occasioni si è trattato di vere e proprie celebrazioni del 2.5D: nel primo caso è stato messo in scena un gioco di video mapping su abiti meccanizzati (si aprivano e chiudevano da soli) mentre le cantanti interagivano con i loro doppi in CG, mentre la seconda performance giocava su numerosi pannelli traslucidi sul palco (mossi dalle cantanti stesse) per creare giochi di luce psichedelici di enorme complessità che impedivano al pubblico di distinguere esattamente il vero dal falso.

Performance delle Perfume ai festival Cannes Lions 2013 e SXSW 2015.

Due momenti delle due performance tenute dalle Perfume ai festival di arti multimediali Cannes Lions 2013 e SXSW 2015.

E dopo l’animazione a mano e le performance artistiche in CG, a dimostrare l’amore per le Perfume anche nel mondo del fumetto ci ha pensato la rivista contenitrice settimanale Big Comic Spirits, che nel numero del 4 settembre 2017 ha dedicato al trio la copertina e uno speciale interno diviso in quattro parti: un’intervista con servizio fotografico, un approfondimento sulla loro carriera, un breve fumetto, e una galleria di omaggi alle Perfume da parte di alcuni fumettisti.

Fumetto di Kaoru Curryzawa dedicato alle Perfume su "Big Comic Spirits".

Il fumetto di otto pagine è disegnato da Kaoru Curryzawa, scrittore ed editorialista dal tratto molto semplice perfetto per il suo umorismo gattofilo, e raccolta di tre micioni che visitano alcuni luoghi significativi delle Perfume guidati da tal Porsche Okite. Si tratta di un fumetto in 2.5D, dato che è un misto di disegno e fotografie e che Porsche Okite è un personaggio reale, cantante del gruppo musicale demenziale RomanPorsche. nonché grande esegeta di idol e fan delle Perfume fin dagli esordi.

Illustrazione di Kazuhiro Fujita dedicata alle Perfume su "Big Comic Spirits".

Nelle pagine centrali a colori della rivista trovano spazio gli omaggi alle Perfume da autori più o meno famosi. Il primo è famosissimo: Kazuhiro Fujita, che ha pubblicato anche in Italia svariate opere fra cui Ushio e Tora e Karakuri Circus, i cui personaggi manovrano i fili di marionette proprio come fa Kashiyuka nell’immagine.

Illustrazioni di Noboru Takahashi e Ryo Inoue dedicate alle Perfume su "Big Comic Spirits".

Due autori non ancora pubblicati in Italia: in alto Noboru Takahashi, celebre per le sue trucide storie di yakuza, e in basso il vignettista e illustratore Ryo Inoue.

Illustrazioni di Shohei Manabe e Niwa Tanba dedicate alle Perfume su "Big Comic Spirits".

A sinistra un omaggio alle celeberrime gambe di Kashiyuka da parte di Shohei Manabe, il cui L’usuraio è pubblicato in Italia da Planet Manga, e a destra un’illustrazione molto femminile dell’autrice di seinen femminili Niwa Tanba, inedita in Italia.

Illustrazioni di Yoshiyuki Sadamoto e Nemu Yoko dedicate alle Perfume su "Big Comic Spirits".

Infine, a sinistra Yoshiyuki Sadamoto, che nel vestire le Perfume mischia le plugsuit del suo Neon Genesis Evangelion con la carrozzeria di un’automobile, e a destra la raffinata illustratrice Nemu Yoko, nota per il suo gusto grafico astratto e l’uso onirico del colore.

All’animazione, alla CG e ai fumetti ufficiali si aggiunge un enorme, sconfinato mare di amatori: su Pixiv, il deviantArt giapponese, le Perfume hanno un incredibile successo con quasi 10’000 fanart (a ottobre 2017) fra illustrazioni, mini-fumetti e altri contenuti multimediali, piazzandosi come le artiste musicali di gran lunga più popolari della community. Amate nella realtà, amate nell’irrealtà, amate anche in tutto quel che c’è in mezzo.

Ushio e Tora: un racconto sull’amicizia

Torna un grande classico del panorama fumettistico nipponico in una perfect edition di pregio, composta da venti volumi di circa 350 pagine, comprendenti le tavole a colori apparse per la prima volta su rivista; tornano il ragazzo, il demone e la lancia; torna Ushio e Tora.

Ushio to Tora è la prima opera lunga di Kazuhiro Fujita: il suo esordio avvenne nel 1990 su Shōnen Sunday riscuotendo subito un buon consenso di pubblico e vincendo il premio Shogakukan per i manga nella categoria shōnen.

Ushio Aotsuki è un ragazzo delle medie, ha due enormi sopracciglia, un forte carattere ribelle e un padre sciagurato di nome Shigure, monaco di un piccolo tempio buddista. Per anni Ushio ha sentito la storia che narra della Lancia della Bestia, una misteriosa arma custodita nel tempio di cui suo padre è custode e forgiata nell’antichità per annientare gli yōkai (demoni); per anni il ragazzo l’ha creduta solo una leggenda, fino al giorno in cui accidentalmente cade in un vecchio sotterraneo e scopre un demone dalle sembianze di tigre (Tora in giapponese) bloccato contro un muro roccioso proprio dalla leggendaria Lancia.

Questo è il prologo di una delle storie più avvincenti del panorama fumettistico mondiale, una serie che parla di demoni, antiche leggende, mostri, sangue a fiumi, ma anche di dedizione, quella che Ushio impiega nella lotta per salvare i suoi cari, e di amicizia, quella che lo lega al demone Tora.

L’amicizia è un affetto reciproco e costante, un sentimento pari solo all’amore e un valore su cui si è scritto e narrato tanto, un legame capace di unire in un’unico spirito due esseri totalmente diversi tra loro, un umano e un demone, l’evoluzione di una conoscenza casuale che si trasforma vignetta dopo vignetta, avventura dopo avventura in un sentimento viscerale e profondo che legherà per sempre i due protagonisti.

Se penso a questo fumetto, infatti, “amicizia” è la prima parola che mi viene in mente per descriverlo, tanto questo sentimento è stato magistralmente rappresentato: un’amicizia nata dall’odio e trasformatasi in legame indissolubile.

Ma come è possibile trasmettere tali sentimenti attraverso dei disegni? Il tratto di Fujita, visivamente grezzo, sporco e grossolano, va affinandosi volume dopo volume raggiungendo una forza comunicativa altissima, forza che riversa maggiormente nella rappresentazione degli sguardi. Da sempre gli occhi sono lo specchio dell’anima e l’autore sa bene come far trapelare i sentimenti attraverso una loro sapiente rappresentazione. Spesso attraverso i lunghi capelli neri di un Ushio posseduto dalla Lancia emergono gli occhi carichi di passione e dedizione, e spesso sul volto feroce di Tora si stagliano degli occhi che trasmettono invece affetto.

Ma questa opera non è solo sentimenti, non illudetevi, quello che il sensei ci racconta è la lotta di un ragazzo che, con l’aiuto di un demone e di suoi amici umani, deve salvare il mondo dalla malvagia rinascita della Maschera Bianca, un concentrato di odio che vuole solo annientare l’umanità.

Il successo di questo manga fu tale che ne fu subito prodotta una versione animata di dieci episodi, più tre mini special comici, per il mercato home video nel 1992, giunti sul mercato italiano a opera di Yamato Video e trasmessi nel 2007 da la 7 Gold, e ben 3 videogiochi. Ma si sa i prodotti ben fatti non passano mai di moda e proprio nel 2015 viene prodotta in Giappone una nuova serie animata di 39 episodi, che, al contrario della prima trasposizione, approfondisce e amplia le vicende con maggiore cura (se siete curiosi questa serie la trovate legalmente online su Youtube sul canale di Yamato Video o cliccando qui).

Dunque, gli ingredienti essenziali per una serie appassionante ci sono tutti: sentimenti, lotta, demoni, misteri, colpi di scena, uno shonen con tutte le carte in regola: se non l’avete ancora fatto non potete non approfittare dell’occasione che Star Comics vi sta dando ancora una volta!

Seguici su Facebook!

REGOLAMENTO SESSIONE AUTOGRAFI FUJITA

– Comunicato Stampa –

blackmuseumspringaldDurante lo svolgimento di Lucca Comics & Games 2016 presso lo stand Star Comics (Pad. Napoleone E159) saranno effettuate tre Sessioni Autografi con il maestro Kazuhiro Fujita, autore dell’intramontabile USHIO E TORA e dell’oscuro THE BLACK MUSEUM.

Le sessioni avranno luogo nei giorni sabato 29, domenica 30 e lunedì 31 Ottobre dalle ore 14.30 alle ore 16:00.

Ogni sessione avrà la durata di 1 ora e 30 minuti e sarà a numero chiuso, con 100 partecipanti per ogni sessione.

Scegli una delle seguenti modalità per ricevere l’autografo:

a) 30 persone per ogni giornata (per un totale di 90), avranno la possibilità di prenotare l’autografo a partire da sabato 8 Ottobre alle ore 10:00, inviando una e-mail all’indirizzo di posta elettronica concorso@starcomics.com. Saranno premiate le prime 30 email arrivate per ogni giornata.

L’oggetto dell’email sarà indicato sabato 8 Ottobre alle ore 10:00 tramite post nella nostra pagina Facebook (per evitare intasamenti e ritardi nel nostro sito internet), e sarà necessario mandare una singola e-mail per ogni giorno a cui si vorrà partecipare. Nel testo della e-mail va copiato e incollato l’oggetto indicato dal post, e vanno specificati nome, cognome, città di residenza e numero di telefono del partecipante;

a.1) Ogni e-mail inviata sarà valida per una sola persona. Non sarà possibile prenotare più incontri con lo stesso indirizzo di posta elettronica per conto di terze persone;

a.2) Il numero di prenotazione e il giorno della sessione di appartenenza verranno comunicati da Star Comics in risposta alla e-mail di prenotazione. L’e-mail di risposta non sarà automatica, ma inviata dal nostro staff dopo la verifica di disponibilità e integrità dei dati necessari. Pertanto si prega di attendere fino a 48 ore, calcolate in giorni lavorativi, dal vostro invio;

a.3) I vincitori riceveranno una conferma scritta da parte di Star Comics, che dovrà essere stampata e consegnata allo stand Star Comics (Pad. Napoleone E159) almeno un’ora prima dell’inizio della Sessione Autografi per cui si possiede la prenotazione;

a.4) Alla consegna della conferma scritta verrà consegnato gratuitamente uno speciale shikishi* messo a disposizione dei partecipanti da Star Comics, con un’immagine tratta da USHIO E TORA. Non potranno essere rilasciati autografi su supporti diversi dallo shikishi;

a.5) I vincitori avranno l’obbligo di acquistare almeno 2 volumi a scelta fra USHIO E TORA PERFECT EDITION vol. 1, USHIO E TORA PERFECT EDITION vol. 2, THE BLACK MUSEUM: SPRINGALD e THE BLACK MUSEUM: GHOST&LADY vol. 1 (tutti disponibili in anteprima in fiera) presso lo stand Star Comics (Pad. Napoleone E159) durante il periodo di fiera.

 

b) 70 persone per ogni giornata (per un totale di 210) avranno la possibilità di ricevere l’autografo partecipando alla LOTTERIA DELLA BESTIA presso lo stand Star Comics (Pad. Napoleone E159): acquistando almeno 2 volumi a scelta fra USHIO E TORA PERFECT EDITION 1, USHIO E TORA PERFECT EDITION vol. 2, THE BLACK MUSEUM: SPRINGALD e THE BLACK MUSEUM: GHOST&LADY vol. 1 (tutti disponibili in anteprima in fiera), si avrà la possibilità di pescare una pallina dal box dedicato, e se questa sarà GIALLA si avrà diritto a un autografo di Kazuhiro Fujita, che l’autore stesso apporrà su uno speciale shikishi messo a disposizione da Star Comics;

b.1) Alla LOTTERIA DELLA BESTIA è permesso partecipare durante tutte le giornate della fiera, fino a un’ora prima dell’inizio delle Sessioni Autografi e fino a esaurimento posti. Se la pesca sarà vincente, si potrà scegliere di aderire alla Sessione Autografi del giorno stesso in cui si partecipa alla lotteria, oppure si potrà scegliere uno dei giorni successivi, a patto che vi siano ancora posti disponibili;

b.2) In seguito alla pesca vincente, verrà consegnato gratuitamente lo shikishi messo a disposizione dei partecipanti da Star Comics, con un’immagine tratta da USHIO E TORA. Non potranno essere rilasciati autografi su supporti diversi dallo shikishi;

b.3) Ogni persona potrà ricevere l’autografo solo per se stesso.

 

c) Tre autografi saranno assegnati ai vincitori del concorso INCONTRA KAZUHIRO FUJITA;

c.1) I tre fortunati vincitori riceveranno direttamente dalle mani del maestro Kazuhiro Fujita lo speciale shikishi autografato nel corso dell’incontro con l’autore, che si svolgerà al termine delle Sessioni Autografi; inoltre, potranno parlare con l’autore che commenterà i loro disegni.

c.2) I vincitori saranno contattati in risposta alla e-mail di adesione al concorso. L’e-mail di risposta non sarà automatica, ma inviata dal nostro staff dopo la verifica di disponibilità e integrità dei dati necessari. Pertanto si prega di attendere fino a 48 ore, calcolate in giorni lavorativi, dal vostro invio;

c.3) I vincitori riceveranno una conferma scritta da parte di Star Comics, che dovrà essere stampata e consegnata allo stand Star Comics (Pad. Napoleone E159) almeno un’ora prima dell’inizio della Sessione Autografi per cui si possiede la prenotazione, che sarà concordata preventivamente via e-mail col nostro staff;

c.4) I vincitori avranno l’obbligo di acquistare almeno 2 volumi a scelta fra USHIO E TORA PERFECT EDITION vol. 1, USHIO E TORA PERFECT EDITION vol. 2, THE BLACK MUSEUM: SPRINGALD e THE BLACK MUSEUM: GHOST&LADY vol. 1 (tutti disponibili in anteprima in fiera) presso lo stand Star Comics(Pad. Napoleone E159) durante il periodo di fiera;

c.5) Non saranno ammesse terze persone agli incontri con l’autore, eccezion fatta per gli accompagnatori dei soggetti diversamente abili.

 

Per qualsiasi informazione sul regolamento potete scrivere a info@starcomics.com

 

* cartoncino stampato a colori usato in Giappone per gli autografi

 

 

 

CONCORSO LUCCA OFF: L’AUTOGRAFO DI FUJITA SENZA VENIRE IN FIERA!

– Comunicato Stampa –

Cari lettori di Star Comics, come ci aspettavamo l’annuncio di pochi giorni fa, relativo al concorso per incontrare Kazuhiro Fujita a Lucca Comics & Games, ha raccolto entusiasmo e consensi. Noi, però, abbiamo voluto pensare anche a quei fan del Maestro e di USHIO E TORA che non avranno la possibilità di venire alla fiera, e abbiamo deciso di mettere in palio 5 shikishi personalizzati e autografati da sensei Fujita in persona, che saranno recapitati direttamente a casa dei vincitori in seguito alla conclusione dell’edizione 2016 di Lucca Comics & Games.

Gli shikishi saranno gli stessi che il Maestro autograferà durante le signing session che si terranno presso il nostro padiglione di Lucca Comics & Games nei giorni 29-30-31 Ottobre, occasione nella quale presenteremo in anteprima i primi due volumi dell’attesa USHIO E TORA PERFECT EDITION.

ushiotora

Partecipare al contest è semplicissimo, dovrete solo imbracciare una fotocamera e sbizzarrirvi con la fantasia! Di seguito il regolamento:

  • Realizzate una foto a tema Ushio e Tora, e allegatela entro il 15 Ottobre 2016 al post Facebook relativo al presente comunicato stampa. Liberate la vostra creatività, non ci sono limiti di sorta: un cosplay, un gatto che vi ricorda Tora o un amico identico a Ushio, una collezione di volumi della vecchia edizione, un pupazzo, un paesaggio, qualsiasi cosa che possa riportare alla mente il capolavoro di Fujita-sensei;
  • Saranno dichiarate vincitrici le cinque foto che otterranno il maggior numero di “like” entro le ore 24:00 di mercoledì 26 Ottobre 2016;
  • Gli autori delle cinque foto selezionate saranno contattati tramite messaggio privato al profilo Facebook da cui hanno caricato le foto, e riceveranno una copia dello shikishi autografato e personalizzato con il loro nome direttamente a casa o a qualsiasi altro indirizzo da loro fornito.

Che aspettate? Cominciate a spremervi le meningi, e… in bocca al lupo!

INCONTRA KAZUHIRO FUJITA, L’AUTORE DI USHIO E TORA!

– Comunicato Stampa –

kazuhirofujitaCari lettori di Edizioni Star Comics, tenetevi forte, perché abbiamo pronta da sganciare una bella bomba: tre fortunatissimi tra voi avranno la possibilità di incontrare il maestro Kazuhiro Fujita e ricevere i suoi commenti riguardo a un loro disegno!

L’incontro avverrà al termine di ognuna delle sessioni di autografi, che si terranno presso il nostro padiglione di Lucca Comics & Games nei giorni 29-30-31 Ottobre – modalità e orari saranno comunicati nei prossimi giorni –: il vincitore – uno per giorno – potrà sedersi al fianco di Fujita sensei, stringergli la mano, ascoltare un commento sul proprio disegno e farsi fotografare. Un’occasione unica e imperdibile per incontrare il celeberrimo autore di USHIO E TORA, che la nostra casa editrice riproporrà in un’accurata Perfect Edition disponibile in anteprima proprio a Lucca Comics & Games 2016.

Partecipare al contest è semplicissimo, ma dovrete dare davvero il meglio di voi stessi! Di seguito il regolamento:

  • Realizza una fanart a tema Ushio e Tora e invia entro il 15 Ottobre 2016 una scansione della stessa a concorso@starcomics.com. Liberate la vostra creatività, non ci sono limiti di sorta: disegnate in bianco e nero o a colori, a mano oppure in digitale;
  • Una giuria formata dallo staff di Edizioni Star Comics selezionerà le tre opere migliori sulla base del suo insindacabile giudizio;
  • Gli autori delle tre opere selezionate dovranno presentarsi al nostro padiglione di Lucca Comics and Games 2016 ( Napoleone E159) al termine di ogni sessione di autografi portando con sé l’originale della loro fanart (o una stampa, in caso il lavoro fosse eseguito in digitale).

Nel corso dell’incontro, i fortunati vincitori riceveranno direttamente dalle mani di Fujita sensei uno shikishi di USHIO E TORA, da lui stesso autografato. Come abbiamo detto, modalità e orari delle sessioni di autografi saranno comunicati nei prossimi giorni.

Datevi da fare allora, e in bocca al lupo!

Prima immagine della seconda stagione di Ushio e Tora

Il Sito ufficiale della serie TV i Ushio e Tora, tratta dal popolare manga degli anni ’90 scritto e disegnato da Kazuhiro Fujita, ha diffuso la prima immagine promozionale della seconda stagione.

Ushio-to-Tora-2nd-Season-Visual

Ushio e Tora ha già ricevuto un adattamento in due serie di OAV nel 1992 e nel 1993 ed un singolo OAV sempre nel 1993.

Lo scorso anno è andata in onda una nuova serie su Tokyo MX prodotta dalla MAPPA e dallo Studio VOLN con Satoshi Nishimura alla regia e il character design di Tomoko Mori.

La serie è disponibile sottotitolata in italiano sul canale youtube della Yamato AnimationQui il primo episodio: