Folignano

LibrArte: la partecipazione di Dimensione Fumetto

Si è conclusa domenica 3 giugno l’evoluzione della storica Fiera del Libro di Folignano, che quest’anno, arrivata alla ventiquattresima edizione, ha cambiato passo e nome.

Ed è diventata LibrArte, con tante attività per le scuole, ma cercando di portare arte e cultura anche al resto della cittadinanza, in modo più convinto e convincente.

Così, nonostante molti degli spazi usati in passato siano indisponibili per i recenti fatti (terremoto e crollo della struttura integrata), grazie alla collaborazione di tante forze, è venuta fuori una bellissima manifestazione, con laboratori, musica, Street Art (Andrea Tarli e Urca), e Street food.

Dimensione Fumetto ha già partecipato in passato, e anche quest’anno, nonostante la concomitanza con un evento importante come San Beach Comix, dove pure ha contribuito in modo importante, è stata presente.

Tra musicisti di livello nazionale (sabato sera abbiamo apprezzato Lorenzo Baglioni, che ha portato a Sanremo Giovani una canzone sul congiuntivo, e ha pubblicato un album dal titolo Bella prof!) e non solo (domenica splendida performance dei Distretto13), tra presentazioni di libri di tutti i generi, aperitivi teatrali, e lo spettacolo di Pindarico, anche DF ha voluto dire la sua.

Abbiamo presentato la mostra POW! su fumetto e pop art, che ha fatto da sfondo ai laboratori di fumetto dei nostri amici Claudia e Leonardo di Robocake e che è rimasta istallata per tutto il weekend.

Poi il sottoscritto, nella canicola del primo pomeriggio di domenica 3 giugno ha presentato un percorso dal titolo Comics&Science: fare cultura scientifica con i fumetti, facendo il punto su un percorso che in Italia in modo particolare sta avendo interessanti sviluppi. Concentrando l’intervento sul tentativo di diffondere la cultura della scienza usando un medium che arriva facilmente a tutti.

La storia (da Tintin a Watterson alla Disney) e la geografia del rapporto tra scienza e fumetto (Italia, Europa, USA e Giappone), chiudendo con i più recenti studi anche con articoli internazionali sulla comunicazione scientifica attraverso il fumetto (qui un esempio).

Il fumetto sta infatti diventando, grazie all’allargamento del mercato, un medium non più solo di intrattenimento, ma a tutto tondo. E mentre i francesi stanno dando fondo a moltissime produzioni a sfondo storico, che anche in Italia stiamo importando, in tutto il mondo ormai, il linguaggio dei comics è utilizzato per storie con gli sfondi più diversi.

Anche su questo sito abbiamo parlato di fumetti a sfondo sociale, politico, storico, sportivo.

E, dopo i libretti illustrativi e divulgativi (uno per tutti che fece scalpore, Come ti frego il virus, con Lupo Alberto del 1991; con il suo creatore, Silver, abbiamo parlato di Comics&Science in una recentissima intervista) la scienza sta trovando una collocazione ben precisa nel mondo dei fumetti:

  • racconta le storie degli scienziati o delle scoperte scientifiche;
  • diventa sfondo per storie di intrattenimento o fiction;
  • spiega teorie, anche complesse, in modo divulgativo o tecnico (su phdcomics.com ad esempio, trovate un fumetto sulle onde gravitazionali);
  • è diventato uno dei linguaggi e dei mezzi usati dalle istituzioni scientifiche per divulgare i loro risultati, alcuni esempi: ASI, ESA, INAF, NASA…

Abbiamo anche fatto vedere degli esempi di opere: da Comics&Science, alle storie su Topolino, ai libri della Raffaello Cortina; dalle raccolte de I Manga delle Scienze, alla collana I grandi della scienza a fumetti.

Insomma, c’è tanto da imparare…

Bè, se ve la siete persa (la manifestazione, intendo), nella pagina Facebook di Librarte trovate tutte le foto, il programma completo e le iniziative, così l’anno prossimo non avrete scuse, e magari ci ritrovate lì.

Follia ed entusiasmo alla Fiera del Libro – il laboratorio di Fumetto

Non a tutti interesserà leggere questa storia, perché è un resoconto molto personale di come io stessa e Dimensione Fumetto siamo finiti a tenere un laboratorio alla Fiera del Libro per ragazzi di Folignano.

Però è una bella storia, quindi leggetela lo stesso…

Locandina ufficiale della 22a Fiera del Libro per Ragazzi di Folignano

Locandina ufficiale della 22a Fiera del Libro per Ragazzi di Folignano

Tutto inizia con una giovane ventenne bionda piena di energia e di entusiasmo, dal nome letterario di Beatrice, che mi contatta per dirmi che le piacciono i miei disegni e che vorrebbe proporre una mia mostra alla 22^ edizione della Fiera. Potevo dire di no? Un imperativo della mia esistenza attuale è non dire mai di no alle cose folli: è così che l’avventura inizia.

E l’avventura con Dimensione Fumetto è iniziata sedici anni fa, anche se in modo diverso, e insieme ne abbiamo fatte tante: dunque, se una mia mostra ha senso, ha senso che io proponga alla Commissione organizzatrice di fare una lezione/laboratorio sul fumetto. Fin qui tutto logico.

Finché poi non scopro, praticamente per caso, che a questa lezione si sono iscritti ben quarantaquattro (44!) bambini, di elementari e medie, e che io dovrò provare a far capire loro cos’è un fumetto e come ci parla il suo linguaggio. Ecco. All’incirca la mia idea di Inferno. Parlare ad adolescenti è già più semplice, l’argomento non è così diretto e elementare! Eppure… Qurantaquattro bambini hanno risposto alla chiamata del titolo dell’incontro, Storie di mano e matita. Quarantaquattro anime innocenti hanno pensato che questo laboratorio sarebbe stato divertente, che avrebbero imparato qualcosa, magari qualcuno avrà anche detto “Figo!”. Ed ecco, questa è abbastanza l’idea della Felicità per chi, come noi, ama i fumetti.

Così finalmente, tra viaggi all’ARF!, studio, preparazione di Concorsi, è arrivato il fatidico pomeriggio del laboratorio, con in mio possesso soltanto un foglietto di appunti, rimasto nello zaino, e un sorriso di aspettativa e timore.

Classe al completo! Laboratorio di Fumetto per la Fiera del Libro di Folignano

Classe al completo! Laboratorio di Fumetto per la Fiera del Libro di Folignano

Quando arrivano i bambini il timore scompare: grandi occhi, sorrisi furbi, sguardi timidi, lentiggini e risate, curiosità e fiducia. Soprattutto fiducia…

E la lezione inizia con: – Io sono Silvia, e quei disegni lì li ho fatti io!

– Nooo, che brava! Che belliii!

– Ma mi piacciono tanto anche i fumetti! Chi mi sa dire cos’è un fumetto?

(Tante tante mani alzate, chi me lo urla: – Sono disegni dove le persone parlano con le vignette! Chi mi chiama vicino perché è timido, ma la sua risposta la vuole dare, sussurrata: – È un disegno dove ci sono le parole).

Disegniamo Topolino, solo con linee curve! Laboratorio di Fumetto di Folignano

Disegniamo Topolino, solo con linee curve! Laboratorio di Fumetto di Folignano

E da quel momento, nonostante le urla dei più vivaci, gli scontri interni tra amici e avversari di vecchia data, l’impossibilità di far sentire la mia voce, i rimproveri di Beatrice e un grande, grande, entusiasmo generale, la lezione è partita: tutte le linee tonde che formano la facciona di Topolino (grande successo) ci parlano di un personaggio buono e buffo (- Come Doraemon?), mentre le linee dure e spezzate che servono per disegnare Goku ci parlano di un personaggio potente (-Ah ecco, è Dragonball, no Goku). E tutti, dai sei anni in su, che hanno tentato di venirmi dietro e capire quello che cercavo di dire, anche se a una piccola il disegno del Sayan proprio non veniva bene e ci ha pianto su tante lacrime (unico serio dramma del pomeriggio, a parte un bimbo che ha deciso che non voleva disegnare affatto ed è rimasto silenzioso osservatore per due ore, e un altro che ha abbandonato il gruppo di amici che lo chiamavano “ciccione” e ha continuato a disegnare serpi tra un personaggio e l’altro).

– Dai piccola, non piangere che adesso disegniamo Elsa di Frozen!

E lei piangendo ancora più tristemente:  – A me non piacciono le principesse…

Ma poi la differenza del disegno del viso delle sue sorelle (tutto nelle sopracciglia e nei capelli, che ci indicano quale delle due è quella pericolosa e chi quella buona) ha avuto il suo discreto successo, perché anche per i maschi mettersi alla prova con qualcosa che non si disegna mai (manco morti) può diventare appassionante.

Il piccolo D. lascia i suoi fogli per terra e disegna per tutti il logo di Superman!

Il piccolo D. lascia i suoi fogli per terra e disegna per tutti il logo di Superman!

Unico magico momento di silenzio, è stato quando abbiamo provato a disegnare il corpo umano partendo dal manichino, con l’onore riservatomi dal piccolo D., il bambino più dolce del mondo, di disegnare davanti ai miei piedi perché da lontano non vedeva e non mi sentiva.

E infine, (dopo la merenda) tutti intorno a me a chiedermi il loro ritratto, o un disegno (grande stima per la ragazzina che mi ha detto -Mi fai Batman? Magari anche Superman perché ancora non so chi preferisco), ma il tempo era quasi finito e tanti sono stati portati via dagli impegni dei loro genitori, mentre per fortuna altri hanno potuto aspettare e io mi sono sentita così tanto la Zerocalcare “di no’ artri”, con tutti intorno a me in attesa, che mi facevano quei complimenti sinceri che solo i bambini sanno fare, che mi mostravano i loro sguardi limpidi e aperti, contenti di andar via con un foglio scarabocchiato a matita e un fumetto offerto da DF.

A tutti quelli che non hanno potuto attendere: ci rivedremo.

A tutti tutti tutti: che bello! Non mi aspettavo di divertirmi tanto! Come faccio a ringraziarvi?

Una delle avventure più emozionanti della mia vita. Grazie al Comune di Folignano, a Beatrice, a Dimensione Fumetto, a chi mi ha aiutato e ai quaranta (alla fine non quarantaquattro) bambini che sono stati lì: spero vi siate divertiti quanto me.

 

22a Fiera del libro per Ragazzi di Folignano: Noi ci siamo!

Dal 21 al 28 maggio a Folignano si svolgerà la ventiduesima Fiera del libro per Ragazzi, dedicata ai bambini dalle scuole dell’infanzia alle secondarie di primo grado.
Oltre a incontri con autori e scrittori, i ragazzi potranno partecipare ai numerosi laboratori pomeridiani organizzati da tantissime associazioni del territorio, tra cui, noi, Dimensione Fumetto.
Venerdì 27 maggio, dalle 16 alle 19, nella Sala Consiliare, terremo una lezione/laboratorio di disegno dal titolo Storie di mano e matita: un tempo le storie di “cappa e spada” affascinavano i bambini, che le ascoltavano o le leggevano… ma solo perché non sapevano di poterle realizzare con le loro mani! E con le matite!
I ragazzi delle scuole primarie e secondarie, insieme a noi, potranno imparare a disegnare i loro personaggi preferiti e potranno inventare i loro personali duellanti: il buono, il cattivo, la mascotte, la bella… e tutto quello che la fantasia può immaginare.
Così, in attesa dell’evento del 4 giugno, un’altra occasione per divertirci insieme.
Vi aspettiamo con carta e matita, e tanta creatività.
Locandina ufficiale della 22a Fiera del Libro per Ragazzi di Folignano

Locandina ufficiale della 22a Fiera del Libro per Ragazzi di Folignano