Cosplay

FESTIVAL DEL FUMETTO LE STRADE DEL PAESAGGIO

– Comunicato Stampa –

23-24-25 SETTEMBRE 2016

nella splendida cornice del centro storico di Cosenza

X edizione del Festival e Fiera del Fumetto


Il Festival, in occasione dell’importante traguardo dei primi dieci anni di vita, amplia l’offerta per le migliaia di appassionati.

Nel primo week end della fiera, nei giorni 23, 24, 25 settembre, sarà attivo lo SPAZIO GAMES, all’interno del MAM, che ospiterà oltre 50 postazioni di gioco, dove sarà possibile affrontare tornei di RETROGAMES, PC-GAMES e testare nuovi giochi su PS4 e consolle di ultima generazione.

All’interno dell’area, inoltre, sarà possibile visitare una mostra di action figures, preziosi modellini in scala dei personaggi del fumetto e dell’animazione e scoprire novità dal mondo dei videogiochi con due popolari youtuber di settore: Player Inside.

FestivalFumettoLeStradedelPaesaggio

La Villa Vecchia, denominata TERRA DI MEZZO, sarà un’area popolata da legionari, arcieri, gladiatori, guerrieri, elfi e soldati di età Romana che vedremo marciare e combattere. Attorno a loro ci saranno accampamenti dove si svolgeranno attività quotidiane di altre epoche storiche e la possibilità di vedere armi, scudi e armature.

In questo villaggio del festival tra STAND ENOGASTRONOMICI e ARTIGIANALI ci saranno Giochi di Ruolo Live (LARP), un’area per i bambini, le esibizioni dei COSPLAY, musicisti e DJ.

LE MOSTRE, allestite come da tradizione all’interno del Museo del Fumetto, saranno visitabili dal 23 settembre al 9 ottobre.

A tagliare il nastro inaugurale de la X edizione del Festival del Fumetto Le strade del paesaggioGilbert Shelton, “padre“ dei Freak Brothers, capolavoro del fumetto umoristico underground americano degli anni ’60, a cui sarà dedicata un’ampia mostra, a cura di Napoli COMICON, in programma fino al 9 ottobre.Oltre 50 opere originali, comporranno un affresco unico di quella che è considerata una vera e propria pietra miliare del fumetto alternativo di tutti i tempi.

Una delle più importanti esposizioni, dal titolo Matite Digitali, sarà dedicata ai principali webcomic, fra cui Simone Albrigi aka SIO, i paperi di Giulio “Batawp” RincioneStefano Conte The SparkerTuono PettinatoCalanda degli Spiriti e infine Simple&Madama e Amori Sfigati , le cui autrici, Lorenza Di Sepio e Chiara Rapaccini, saranno presenti all’apertura.

In programma anche La vita segreta dei supereroi, di HRJOE, una mostra che rappresenta un’assoluta anteprima europea per l’artista indonesiano, conosciuto ed apprezzato in tutto il mondo.

Il Museo si pregerà anche delle opere di Amélie Flechais, autrice francese di grandissimo talento. In mostra le illustrazioni di Lupetto Rosso, testo edito da Tunuè edizioni, con cui si è aggiudicata il premio per il Miglior libro d’illustrazione al Festival di Solliès-Ville 2015.

Spazio anche alla fantascienza con una retrospettiva dedicata a Nathan Never, uno dei più importanti personaggi della Sergio Bonelli Editore, ideato da Michele Medda, Antonio Serra e Bepi Vigna che festeggia, anche qui a Cosenza, il traguardo editoriale dei 25 anni.

Infine Comics Food, progetto iniziato l’anno scorso in collaborazione con Slow Food Calabria, che quest’anno si arricchisce di nuove storie, disegnate da Flavia Sorrentino, dove i grandi protagonisti del fumetto internazionale incontrano le eccellenze alimentari calabresi.

L’AREA EDITORI E INCONTRI sarà collocata all’interno del Teatro “A.Rendano”, con la presenza delle più importanti realtà di settore e tantissimi ospiti che presenteranno, nel corso del Festival, alcune fra le loro più recenti pubblicazioni. Da Sergio Bonelli Editore a Tunuè, da Frigidaire a Round Robin e Lavieri, si parlerà di satira con Vincenzo Sparagna e dei trent’anni di Dylan Dog con autori e con la presenza del fan club ufficiale dei DylanDogfili.

In programma anche la seconda edizione del Premio Andrea Pazienza, di cui sono stati annunciati i primissimi nomi dei giurati. Giovanni Ferrara in rappresentanza della casa editrice Fandango, il fumettista e anima musicale dei Tre Allegri Ragazzi Morti Davide Toffolo, il giornalista nonché massimo esperto di fumetti Luca Raffaelli e il maestro Angelo Stano, creatore grafico di Dylan Dog, sceglieranno i vincitori di questa edizione.

All’interno del Teatro A. Rendano, sarà possibile visitare anche gli stand di fumetterie e gadget e fruire di un’importante spazio dedicato ai GIOCHI di RUOLO curato dall’Associazione Master of Comics.

Il Festival Le Strade del Paesaggio è un evento promosso da Cluster Società Cooperativa.

 

Per il programma completo  

www.lestradedelpaesaggio.com/

Info  

info@lestradedelpaesaggio.com

#LeStradedelPaesaggio

Animeland – Racconti tra manga, anime e cosplay – di Francesco Chiatante

– Comunicato Stampa – Il tour del documentario Animeland – Racconti tra manga, anime e cosplay, di Francesco Chiatante

animeland poster (web)Presentato in anteprima mondiale a Roma, nell’ambito della nona edizione del Roma Fiction Fest, il documentario Animeland – Racconti tra manga, anime e cosplay, opera prima diretta da Francesco Chiatante.

Il documentario è ideato e interamente realizzato in low budget dal regista Francesco Chiatante, che ne ha curato anche montaggio, fotografia e post produzione. Il documentario è stato quindi proiettato in numerosi festival e rassegne tra cui il Lecce Film Fest, la rassegna Nomadica di Firenze, il Far East Fest 2016 di Udine e il Festival dell’Oriente di Roma. Una proiezione privata è stata quindi organizzata per i dipendenti della Rainbow, che produce il cartone animato Winx. Animeland è stato quindi presentato al BGeek – BariGeekFest e al festival Etna Comics di Catania, in entrambe le occasioni alla presenza del regista.

Animeland è un vero proprio viaggio tra cartoni animati giapponesi e non, manga, anime e cosplay, attraverso ricordi, aneddoti e sogni di personaggi degli ambiti più disparati il cui immaginario e la cui vita sono stati influenzati da fumetti e cartoni animati. Da Heidi a Goldrake, da Jeeg Robot a Dragonball e Naruto, passando per Holly e Benji, L’incantevole Creamy e Ken il guerriero, dalla fine degli anni Settanta è iniziata in Italia una vera e propria invasione “animata” giapponese. Animeland, più che un film è un “documento” che intende ricostruire e ripercorrere tutto quello che erano e sono poi diventati manga, anime e cosplay in Italia, segnando l’intero immaginario ‘pop’ delle generazioni degli ultimi quarant’anni con robot, maghette e orfanelli!

Numerosi gli intervistati nel film, dall’animatrice e mangaka Yoshiko Watanabe, già assistente di Osamu Tezuka, allo stilista Simone Legno alias Tokidoki, da cantanti come Caparezza, che nelle canzoni spesso introduce citazioni tratte da manga giapponesi, ad attori come Paola Cortellesi – che canta la sigla di un cartone animato della propria infanzia – e Valerio Mastandrea. Ma anche i racconti di Giorgio Maria Daviddi del Trio Medusa e una esclusiva intervista al misterioso cosplay Goldy.

Registi italiani quali Maurizio Nichetti e Fausto Brizzi e registi stranieri come Shinya Tsukamoto e il Premio Oscar Michel Gondry, ma anche Masami Suda, animatore di cartoni animati quali Ken il guerriero, Kiss Me Licia e Yoichi Takahashi, autore di Holly e Benji.

Tra i nomi italiani spiccano quelli dei giornalisti Luca Raffaelli, filo conduttore del racconto e di Vincenzo Mollica, ma c’è spazio anche per un sociologo, Marco Pellitteri, per un saggista come Fabio Bartoli e per la squadra dei Kappaboys, che per primi importarono i manga giapponesi in Italia. Il tutto con le musiche originali di Simone Martino, la consulenza artistica di Fabio Anastasio Zucchi e l’ufficio stampa di Carlo Dutto.

“Ho sempre sognato  – sottolinea il regista – di raccontare i mondi di manga, anime e cosplay a modo mio. E quale idea migliore del farlo coinvolgendo tutti i miei “miti”, creando un film da tutti i loro racconti? Con Animeland ho trovato il modo di poter contribuire a questi immaginari fantastici che hanno influenzato i ragazzi, per generazioni, da fine anni ’70 ad oggi!”

IL REGISTA

Francesco Chiatante nasce a Taranto nel 1981, videomaker di cortometraggi, documentari, backstage e video. Studia all’Accademia di Belle Arti di Macerata “Teoria e Tecnica della Comunicazione Visiva Multimediale” e si specializza in “Arti Visive – Scenografia”.

Approda a Roma nel 2007 per un Master in Effetti Speciali per il cinema. Negli ultimi anni ha lavorato per post-produzioni di film e fiction, collaborato come operatore video e montatore per una serie di progetti documentaristici prodotti e diretti da Franco Zeffirelli, diretto l’episodio ‘Iride’ del film indipendente a capitoli ‘Amores’ (Italia, 2013) e realizzato backstage dei film diretti da Ivano De Matteo ‘Gli equilibristi’ e ‘I nostri ragazzi’ (vincitore del Premio Miglior Backstage 2015 – Festival del Cinema Città di Spello) e della serie TV RAI ‘Il sistema’ diretta da Carmine Elia. Animeland – Racconti tra Manga, Anime e Cosplay, del 2015, è il suo esordio nel lungometraggio.

Intervista a Yuriko Tiger – Cosplay e non solo

Prima intervista di Dimensione Fumetto sul mondo cosplay e celebriamo un battesimo di fuoco intervistando Eleonora Guglielmi, in arte Yuriko Tiger! Per chi non lo sapesse, è una ragazza che fa cosplay ma con la particolarità: lei ha fatto le valigie ed è andata in Giappone, come si diceva una volta, “a cercar fortuna”. È tornata momentaneamente in patria per una breve vacanza e noi abbiamo subito approfittato di questo periodo di relativo riposo (è comunque in giro per le fiere che si svolgono in Italia), ma diciamo che di strada ne ha fatta un bel po’. Vero, Yuriko?

Ciao a tutti quelli di Dimensione Fumetto e grazie per questa intervista! Sì, in nemmeno due anni e mezzo la mia vita è stata completamente stravolta (in senso buono ovviamente). Sono passata da studentessa liceale di un Istituto d’Arte e commessa in un panificio a… realizzare i miei sogni lavorando per TV, riviste ed eventi cosplay e non.

Yuriko Tiger (8)
Quanto pensi ci sia ancora da fare per ritenerti arrivata? Sempre se ci sarà mai un momento in cui ti sentirai arrivata.

Allora… Inizialmente il mio obbiettivo era diventare una J-pop idol e devo dire che anche se breve, la mia esperienza l’ho fatta. Sono a metà strada. Per me, sono agli inizi, forse appena finita la più lunga e dura gavetta…
Ho ancora tanti obbiettivi ma già metà di quelli che avevo in lista li ho avverati. Dubito che ci sarà una ”fine”… Perché sogno sempre (ahahah). Intanto sono arrivata a farmi conoscere in Giappone, ad essere un’icona, e la prima cosplayer italiana che lavora in TV e altri campi.
Mi sento una tigre quando dico così!!

Yuriko Tiger (7)

Tra l’Italia e il Giappone, quali differenze ci sono sull’argomento cosplay? Che differenze ci sono tra il pubblico di qui e quello dall’altra parte del mondo?

Tantissime. Contiamo che il Cosplay nasce teoricamente in Giappone, quando i primi fanatici di alcuni manga/anime/doushinji si sono travestiti come il loro personaggio preferito.
I giapponesi vivono il Cosplay in modo COMPLETAMENTE DIFFERENTE DAL NOSTRO.
Da un lato, pensandolo come ”hobby”, preferisco quello italiano. Come lavoro, ovviamente il Giappone.
Come il termine otaku, l’essere ”cosplayer” non è sempre ben visto, soprattutto perché si arriva a livelli estremi di questa passione.
Tantissime IdolGravure/pornostar usano il cosplay come puro esibizionismo. Quando sono arrivata in Giappone la tipica domanda era «Che tipo di cosplay fai?» e la mia risposta è sempre stata «…Boh, tutti i personaggi che mi piacciono. Non ho un genere preferito o un tipo». Capendo poi che molto probabilmente era riferito a capire se il mio era un tipo di cosplay molto…. ”sensuale”, se non addirittura ”perverso”. Come al Comiket, dove vendono 90% doushinji R-18, e anche le cosplayer vendono le proprie foto in formato CD vietate ai minori.
Devo dire che questa cosa mi ha fatto storcere un po’ il naso dopo aver visto in prima persona certe scene estremamente imbarazzanti in fiera.
Essere circondata da fotografi non mi ha mai creato problemi (anche perché porto sempre dei pantaloncini e doppie mutande) ma sembra proprio: ”più nudo, più diventi famosa e più sei cosplayer”, ovviamente non tutte la pensano così, fortunatamente.
Su Twitter a volte ci sono stati dei battibecchi per alcuni dei miei stati, dove difendo il cosplay come arte e non come porno gratuito in fiera, a cui odio essere associata. Se mai dovessi fare l’IdolGravure (cosa già provata) sarà per dei validi motivi, ma non ho mai pensato di fare cosplay solo per ”farmi vedere”, anche perché, come molte, basterebbero un reggiseno+mutande+parrucca.
Altre, come note cosplayer giapponesi, invece sono patriottiche e davvero fissate con questo hobby, e possono tirare avanti fino a cinquanta anni.
In Giappone funziona che:
Fai la fila (PER TUTTO);
paghi per fare cosplay (cosa che a me dà alquanto fastidio, ogni volta);
ti cambi e trucchi spesso in un metro quadrato, dovendo stare seduta e con lo specchio portato da casa;
vai nel ”recinto” area cosplay, con orari limitati, a cercare il tuo angolino, aspettando che ti facciano delle foto.
Insomma… Non è divertente.
Da cosplayer hai molte più regole e meno agevolazioni mentre da noi in Italia funziona al contrario!
Il pubblico delle fiere (normali, come il Comiket) è 80% maschile dai trenta anni in su, ma anche nelle fiere di Yaoi e Doushinji per ragazze è uguale, con la differenza che sono solo ragazze ad andarci.

Yuriko Tiger (6)

Domanda che mi incuriosisce non poco: i giapponesi come ci vedono noi italiani? Almeno basandoti su chi hai conosciuto.

Spaghetti, mafia e artisti (?). Comunque siamo visti bene come persone creative e simpatiche, ma anche ”casiniste”.

Che consigli daresti a chi vuol fare cosplay?

Lavoro per una rivista chiamata COSPLAY CHANNEL dove parlo a chi vuole iniziare di fare cosplay, ma non ne ha il coraggio, quindi partendo da elementi base come maschere di Halloween e temi, come arrangiarsi se non si è dei talenti con la macchina da cucire, ecc.
Intanto consiglio di essere sicuri di ciò che fate, di interpretare personaggi che amate e… INTERNET. Cosa che ai miei tempi non era molto utilizzata.
Penso che ormai creare un buon cosplay, anche la prima volta, può essere fattibile! Se sei una persona ‘tutto fare’ chiedi a dei tuoi parenti o amici come confezionare un costume. Ordina la parrucca su internet e guarda dei tutorial per come ACCONCIARLA (va sempre fatto!) e infine studiarsi un po’ il make-up adatto al tuo personaggio e le sue pose.

Yuriko Tiger (5)

Nel fare cosplay penso che una buona cosa è avere un fisicità simile al personaggio che si interpreta, se no diviene paradossale. Sei d’accordo?

Non dico uguale, perché ahimè e pressoché impossibile avere il corpo come una ragazza di un manga, ma di essere sicuri (come già detto prima) di quello che fate.
Se non avete problemi a sentirvi criticati, potete fare ciò che volete! Il cosplay non ha regole! Ma ovviamente per assomigliare di più ai personaggi che ci piacciono, il fisico fa la sua figura (e ve lo dico io che NON sono uno stuzzichino). Ci sono casi e casi dove potrebbe contare o meno!

Yuriko Tiger (4)

Domandone: hai spesso detto che inizialmente il Giappone pare essere il paese più bello che ci sia, poi iniziano a emergere i lati negativi. Lo ritieni comunque un posto che consiglieresti per vivere a chi è attratto dalla cultura giapponese vedendo anime e leggendo manga? Quanto c’è di vero tra quello che vediamo (negli anime) e quello che leggiamo (nei manga) rispetto a quello che c’è veramente?

Se uno legge davvero dei buon manga, libri e anime con un minimo di trama realistica noterà anche lì i veri lati del Giappone. Molti hanno uno ”shock culturale” che anch’io (dopo aver lavorato i primi mesi in un’agenzia e altri problemi personali) ho iniziato a comprendere.
Secondo me da visitare, il Giappone è un sogno ad occhi aperti, ma ”viverci” per molti potrebbe diventare un vero incubo.

Il fenomeno cosplay è cresciuto in modo esponenziale negli ultimi anni. Ricordo che era una cosa molto circoscritta, mentre ora è quasi l’elemento trainante di molte fiere, almeno qui in Italia. A cosa pensi sia dovuto? Solo al fatto di vedere delle belle ragazze o dei bei ragazzi, o c’è qualcosa in più?

Non solo in Italia ma anche in Giappone è solo ”ultimamente” che si è diffuso.
Sinceramente non ci trovo nulla di male, anzi, sono felice che si stia espandendo, ma la compagnia si fa sempre più dura. Prima era una cosa di nicchia, ci si conosceva e si parlava fra tutti mentre ora sembra quasi una moda.

Yuriko Tiger (3)
Oltre al cosplay fai anche la modella in senso classico, se non erro. Se arrivasse un’occasione di quelle con la “O” maiuscola per fare la modella, metteresti da parte il lavoro da cosplayer o comunque ritaglieresti del tempo per continuare questa tua passione?

Faccio anche la fotomodella ma fortunatamente sempre per cosplay e stili un po’ particolari. Sono troppo bassa, fuori forma e età per la modella come professione principale, ma se ricevessi una grande proposta metterei da parte il lato cosplay per dedicarmi a qualcosa di più professionale che, a dire il vero, sto già facendo.

Non so se te l’hanno già chiesto: quanto è importante conoscere ed essere appassionato del personaggio da cui si ci veste?

Molto. Ammetto di aver fatto personaggi di cui non conoscevo molto bene la storia o il gioco, spesso perché vorrei stare in coppia o in gruppo per divertirmi in compagnia.
Ci sono dei miei ”future” cosplay che non appartengono a serie di cui sono appassionata ma a livello estetico e caratteriale mi piacciono molto, e vorrei provare comunque a interpretarli.
Secondo me un minimo di base ci vorrebbe. Una volta rimasi male con una cosplayer che chiamai con il nome del personaggio e lei si girò dicendo: «Scusa dici a me? Mi hanno prestato il vestito ma non so chi è. Come mi devo mettere?»
E queste cose mi sono successe anche a lavoro con la Bandai, Elsword, SugoiJapan e Kadokawa… molte delle loro ”modelle” non sapevano nemmeno il titolo dell’opera o il nome del personaggio. Allora lì sale un po’ l’odio, perché almeno Wikipedia la sappiamo leggere tutti, no?Yuriko Tiger (1)

Quale personaggio preferisci interpretare attualmente?

Passo da pazzi con multipersonalità a personaggi angelici (ahahah!). Ho sempre preferito chi aveva un carattere forte oppure un combattente, ma ultimamente non disprezzo più i personaggi molto dolci e angelici.

Oltre ai personaggi dei manga e degli anime c’è qualche altro personaggio che ti piace?

Sono una sega in quasi tutti i generi (lo ammetto. Una volta ero molto meglio) ma sono un’appassionata fin da piccola dei videogame.

Progetti per il futuro prossimo?

Di cosplay o carriera? Sto perdendo il filo, aiuto!
Allora… Riguardo ai cosplay:
Alice – Alice Madness Returns
Aerith – FINAL FANTASY
Judy – Zootopia
Nina Williams – Tekken
Fio – Metal Slug
Harley/Poison Ivy o Catwoman (fin da bambina).
E ne vorrei fare tantissimi altri ma budget limitato e tempo permettono poco!
Come notate non sono molto ”manga” ultimamente!

Come carriera vorrei continuare come talent, ma non ho mai rinunciato al mio lato Idol/cantante/band rock/immagine elettronica e qualsiasi altra cosa che abbia a che fare con la musica giapponese. Spero di realizzare il mio secondo singolo insieme a una grande casa discografica e fare un bel Music Video (ç_ç) lo sogno da anni!

Yuriko Tiger immagine principale

Grazie del tempo che ci hai dedicato e ti avviso che molti collaboratori di Dimensione Fumetto ogni tanto fanno una scappata in Giappone: speriamo che ti possano incontrare anche da quelle parti!

Grazie a voi!!
Ci vediamo! Matta ne〜

 

Foto e Video dal Comiket 89

Come già vi avevamo raccontato in questo articolo si è svolto in questi giorni il Comiket a Tokyo in Giappone che ha attirato un totale di 520000 fan al Tokyo Big Sight durante i tre giorni della manifestazione.

Qui potete ammirare un bel video riassuntivo del pubblico in cosplay:

e qui un’altra gallery con personaggi tratti da Naruto, The iDOLM@STER Cinderella Girls, Charlotte e molti altri

 

I migliori Cosplay dal Comiket 89

Il Comiket (contrazione del nome Comic Market) è, senza troppi giri di parole, la più grande manifestazione al mondo dedicata ai Fumetti. Si svolge due volte l’anno al Tokyo Big Sight in Giappone.

Comiket-89-Anime-Manga-Cosplay-Day-1-15

Ieri, 29 Dicembre, è cominciata l’89a edizione che ha registrato un’affluenza di 150.000 persone e non sono ovviamente mancati i cosplayer. Da Batman a JoJo passando per Sailor Moon e Prison School.

Queste le foto del primo giorno: