Arrow

Arrow – Non tutte le serie tv riescono con il fumetto

Attenzione: questa non è una recensione ma una personale opinione su una serie tv che prende spunto da un fumetto.

Negli ultimi anni i palinsesti televisivi sono stati riempiti da centinaia di serie tv, con temi che vanno dal thriller al documentario, e una grande fetta di pubblico le segue con passione, in versione originale o aspettando l’adattamento italiano.

Ultimamante, però, abbiamo assistito a un sovraffollamento di serie incentrate su un particolare genere: quello dei Supereroi. Ovviamente non tutte riescono benissimo. Proprio in questo caso, parliamo di Arrow.

green_arrow_

Andiamo con ordine e partiamo dall’inizio. La puntata pilota, sulla rete statunitense CW, è stata ben accolta dal pubblico, tanto che l’emittente televisiva ha ordinato una serie regolare. Gli ascolti sono andati così bene che persino il Network si è sorpreso. Ma allora dov’è il problema?

Il vero problema sta nello sviluppo della serie e delle relative sceneggiature.

La prima stagione aveva offerto una trama generalmente soddisfacente, fatta eccezione per qualche puntata “alla Sentieri“. Tra gli intrighi, le vendette e l’occultamento delle prove da parte della signora Queen (Moira Queen/Susanna Thompson) c’era ancora qualche sorpresa interessante, come la soddisfazione nel vedere che i buoni non vincono sempre. Nell’ultima puntata il temibile Malcolm Merlyn (villain di stagione) riesce nel suo intento, cioè distruggere una parte la città, a scapito della vita di suo figlio, proprio davanti agli occhi di Oliver Queen alias “The Hood” (Stephen Amell). Non c’è bisogno di aggiungere altro, c’è da essere soddisfatti.

arrowUn primo tentennamento nella trama arriva già dal primo episodio della seconda stagione, nel quale il nostro Oliver, dopo i fatti della season precedente, decide di utilizzare cambiare metodo per ripulire la città seguendo il comandamento “non uccidere”.

I buoni propositi passeranno però in secondo piano al momento in cui entra in gioco una storica nemesi di Batman, Ra’s al Ghul. Più tardi entreremo nei dettagli poiché non è lui il vero protagonista di questa serie.

In questa seconda stagione il vero villain è Slade Wilson/Deathstroke (Manu Bennet) il cui unico obbiettivo è far soffrire Oliver Queen con ogni mezzo disponibile. Il culmine viene raggiunto nel ventesimo episodio (a mio giudizio il più bello della serie) quando uccide Moira Queen davanti agli occhi dei figli. La sua pazzia, dovuta alla droga Mirakuru, l’ha spinto a completare la vendetta da sempre desiderata.

 

slade-wilson-kills-moira-queen-arrow

L’interpretazione di tutti gli attori in questa scena è encomiabile. La drammaticità e le famose linee dark raggiungono livelli molto buoni per una “semplice” serie tv. Purtroppo le riflessioni positive si fermano qui, a meno di salvare alcuni momenti di eccezione, visto che da qui in avanti le cose si complicano.

Si parlava prima di una sceneggiatura non proprio brillante, e lo possiamo constatare nella terza e quarta stagione, dove gli antagonisti indiscussi sono Ra’s al Ghul e Damien Darhk. Eppure il primo sarebbe bastato e avanzato.

La season premiere della terza serie era partita letteralmente con il botto: Canarina Nera morta (Black Cananay/Caity Lotz), Ra’s al Ghul, Nyssa e chi più ne ha più ne metta. Successivamente dev’essere successo qualcosa: un cambio nell’audience probabilmente, o un aumento del pubblico femminile, avrà influenzato gli sceneggiatori (per capirci: una mia collega segue la serie solo perché c’è Stephen Amell senza maglietta, e infatti lui se la toglie in ogni episodio per contratto) dando così vita ad una “Soap opera di Supereroi”.

arrow-felicityI cambiamenti sono più che evidenti, perché Arrow oggi non è più quella serie coinvolgente che teneva vivo l’interesse dal primo all’ultimo episodio, e dove, nonostante alcuni filler materasso, potevi dire tranquillamente: “Peccato che non abbiano approfondito” o “Che puntata verrebbe fuori se facessero un crossover”.

In effetti una delle poche note di merito è stata quella di presentare ufficialmente un personaggio iconico e molto amato del mondo Dc, Barry Allen/ The Flash (Grant Gustin). Senza dimenticare il buon Ray Palmer aka  The Atom (Brandon Routh).

Tirando le somme possiamo dire che fin qui, seppur con molte sbavature, Arrow è una buona serie. L’esperimento dei Supereroi in tv funziona, ma la concorrenza delle serie Marvel/Netflix è sempre più  agguerrita.

E la quarta serie? Vi basti sapere che nella quarta stagione potrete vedere un Pannella a un comizio (come ai bei tempi) e una battaglia finale stile WWE. E se questo non vi soddisfa, allora potrete anche vedere Neo che usa la magia (Damien Darhk).

Questa evoluzione della storia e delle scene ha amareggiato così tanto i fan che su Reddit, il giorno successivo all’ultimo episodio della season, hanno modificato il tema ufficiale del subreddit di Arrow in quello di Daredevil.

Di aspettative per la quinta stagione io ne ho pochissime e temo il primo episodio come non mai. Probabilmente questa sarà l’ultima serie, dato che il cerchio dei flashback, che era partito bene, si chiude con questi episodi. Ma non mi sorprenderebbe scoprire che le prospettive cambieranno, siamo abituati ad aspettarci il contrario di quanto previsto, quindi resta solo di aspettare e vedere.

Buona Visione

Arrow – Quale futuro per Felicity Smoak?

SPOILER ALERT

Arrow-Felicity-Emily-Bett-Rickards

Fan di Arrow che non avete ancora visto l’episodio 4X09 della serie (o che comunque non volete sapere cosa succederà nella 4X10 NON proseguite con la lettura.

Arrow-season-4

Il midseason finale di Arrow ha lasciato i nostri eroi in una situazione drammatica: con la bella Felicity Smoak (Emily Bett Rickards) apparentemente morta tra le braccia di Oliver Queen (Stephen Amell) a seguito di un agguato degli scagnozzi di Damien Darhk (Neal McDonough).

“Apparentemente” perché proprio venerdì scorso l’account twitter di Canadagraph ha pubblicato una serie di foto dal set di Arrow

Come si può vedere la Rickards è su una sedia a rotelle per cui il personaggio di Felicity dovrebbe essersi salvato finendo però irrimediabilmente menomata.

Questa foto potrebbe confermare la voce che gira nell’ambiente da un po’ di tempo che vedeva la Smoak assumere l’identità di un altro storico personaggio della DC Comics: Oracolo.

Oracle

Ricordiamo che nell’Universo DC pre-Flashpoint Oracolo era l’identità segreta di Barbara Gordon (Batgirl) finita su una sedia a rotella a causa del Joker nel classico a fumetti scritto da Alan Moore: The Killing Joke

La TNT spiega perché non produrrà la serie TV sui Titans

In un’intervista a Hollywood Reporter il  chief creative officer della TNT (ovvero colui che è a capo del team creativo di un’emittente) Kevin Reilly ha dichiarato che la serie televisiva dedicata ai Titans, storico supergruppo della DC Comics, è stata bloccata per via della sceneggiatura.

titans-tv-series-2015

Queste le dichiarazioni di Reilly:

Akiva [Goldsman] è un ragazzo talentuoso, [ma] la sceneggiatura non era giusta.C’è un’incredibile eccesso di prodotti con i supereroi in giro. Chiaramente è quello che la gente chiede ma credo che non ci sia per forza il bisogno secondo me, almeno sulla carta, di uno [show] che non stia “gridando per essere fatto”

La serie era stata pensata per essere ambientata nello stesso universo di Arrow e The Flash e vedeva protagonista Dick Grayson nei panni di Robin, che sarebbe poi diventato Nightwing. La serie avrebbe anche dovuto includere Barbara Gordon, Hawk & Dove, Starfire, Cyborg e Beast Boy.

Ci sono state anche speculazioni sul fatto che c’è un progetto per un film dedicato ai Titans che dovrebbe prendere il via dopo quello dedicato a Cyborg nel 2020. La WB infatti non è molto contenta dell’ostilità montante tra i fan di Grant Gustin nei confronti del film di Flash con Ezra Miller e ha anche bloccato qualunque sviluppo sulla Suicide Squad che la CW aveva messo in pista dopo le apparizioni del team su Arrow.

 

 

In Arrivo DC’s Legend of Tomorrow

Il 21 Gennaio negli USA “DC’s Legends Of Tomorrow” debutterà su CW (il network che trasmette Arrow e The Flash).

dcslegendspostertin

La serie vedrà protagonisti alcuni degli eroi DC Comics uniti da Rip Hunter (Arthur Darvill) per contrastare Vandal Savage (Casper Crump): the Atom (Brandon Routh), White Canary (Caity Lotz), Firestorm (Franz Drameh e Victor Garber), Captain Cold (Wentworth Miller), Heat Wave (Dominic Purcell), Hawkgirl (Ciara Renée) e Hawkman (Falk Hentschel).

Ieri la CW ha diffuso i character poster in cui si vedono tutti i personaggi nei loro costumi:

 

Questi invece i due trailer:

 

Arrow S04E02 – Due trailer

Ieri notte  è ricominciato negli USA”Arrow”, la serie TV tratta dal personaggio DC Comics “Green Arrow”. Ecco due trailer relativi al prossimo episodio:

 

Lo show è alla sua quarta stagione e vede protagonisti: Stephen Amell (Oliver Queen/Arrow) Katie Cassidy (Laurel Lance/Black Canary) Colin Donnell (Tommy Merlyn) David Ramsey (John Diggle) Emily Bett Rickards (Felicity Smoak) Manu Bennett (Slade Wilson/Deathstroke) Colton Haynes (Roy Harper/Arsenal) John Barrowman (Malcolm Merlyn/Arciere Oscuro) Willa Holland (Thea Queen) Caity Lotz (Sara Lance/Canary) Paul Blackthorne (Detective Quentin Lance) e Neal McDonough (Damien Darhk)

img_8457

Arrow Season 4 Promo trailer Aim Higher

Mercoledì riparte negli USA”Arrow”, la serie TV tratta dal personaggio DC Comics “Green Arrow”. Ecco il trailer.

Lo show è alla sua quarta stagione e vede protagonisti: Stephen Amell (Oliver Queen/Arrow) Katie Cassidy (Laurel Lance/Black Canary) Colin Donnell (Tommy Merlyn) David Ramsey (John Diggle) Emily Bett Rickards (Felicity Smoak) Manu Bennett (Slade Wilson/Deathstroke) Colton Haynes (Roy Harper/Arsenal) John Barrowman (Malcolm Merlyn/Arciere Oscuro) Willa Holland (Thea Queen) Caity Lotz (Sara Lance/Canary) Paul Blackthorne (Detective Quentin Lance) e Neal McDonough (Damien Darhk)