È morto il mangaka Jiro Taniguchi

Senza fare baccano, proprio come i suoi fumetti, se n’è andato il fumettista giapponese Jiro Taniguchi. L’annuncio è stato dato dal quotidiano Mainichi shinbun che specifica solo che l’artista è morto il giorno 11 febbraio a 69 anni compiuti, e che le esequie si terranno in forma privata. Non sono per ora noti altri dettagli sulla morte di Taniguchi.

Jiro Taniguchi nel 2011.

Jiro Taniguchi nel 2011, nel periodo dell’uscita di Furari – Sulle orme del vento, opera storica in un volume pubblicata in Italia da Rizzoli Lizard.

Jiro Taniguchi è considerato già da tempo uno dei massimi fumettisti di sempre, non solo nell’ambito dei manga, ma in generale di tutta la cultura fumettistica mondiale. Ne sono prova i numerosissimi premi internazionali vinti fin dal 1992, le collaborazioni con istituzioni prestigiose come il Museo del Louvre di Parigi, il sodalizio artistico con un altro nome enorme come quello del francese Moebius, le molte mostre ed esposizioni dedicategli (fra cui una nel 2014 a Venezia), e ultimo ma non meno importante il successo persino commerciale dei suoi lavori niente affatto commerciali. Opere come L’uomo che cammina, Al tempo di papà e soprattutto Gourmet (quest’ultima particolarmente nota in patria) sono state pubblicate nel mondo dagli autori più prestigiosi e lodati dai critici più severi.

Poster di una mostra dedicata a Jiro Taniguchi.

Il poster di una delle tante mostre dedicate a Taniguchi, questa svoltasi nel 2010 nella sua nativa prefettura di Tottori, la stessa che ha dato i natali a un altro genio del manga, Shigeru Mizuki.

Se ne va insomma un altro pezzo del fumetto giapponese come era successo due anni fa al suo conterraneo Shigeru Mizuki, tanto diverso per stile quanto altrettanto amato dai lettori. Fortunatamente, Taniguchi è riuscito a lasciare al mondo una quantità enorme di tesori che l’hanno consacrato nella memoria e nel cuore di tanti lettori in tutto il mondo.

Vignetta di "Furari - Sulle orme del vento" di Jiro Taniguchi.

Una vignetta di Furari – Sulle orme del vento del 2011 mostra il tipico stile di Taniguchi, molto simile alla ligne claire francese, leggero e dettagliato. Un’immagine di bellezza che resta nel tempo.

Commenta !

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi