L’arte infinita di Hayao Miyazaki, il Never Ending Man

Se state leggendo questo articolo è perché siete ammiratori di Hayao Miyazaki, o stimate i suoi film e siete curiosi di sapere se il documentario Never Ending Man, girato dopo l’ultimo annuncio del suo ritiro come regista nel 2013, valga la pena di essere visto domani sera, 14 novembre, al cinema.

Ebbene, per voi dirò immediatamente come stanno le cose: , vale la pena comprare il biglietto e guardare questa breve monografia, perché si rivelerà per voi istruttiva, interessante, anche lievemente commovente e vi avvicinerà a un uomo, Miya-san, e un professionista, Miyazaki sensei, ammirevole sotto tanti punti di vista. Se in più siete cultori della tecnica dell’animazione, o comunque appassionati di quest’arte, il film si rivelerà anche molto stimolante dal punto di vista prettamente pratico, perché mostra il modus operandi di uno dei più grandi registi viventi e di tutti i tempi.

Potrei dilungarmi e continuare a incentivare la vostra curiosità insistendo su immagini generali ed entusiaste, ma siccome sarebbe davvero banale e quasi antipatico, e d’altra parte ritengo assolutamente inappropriato, in questo caso, approfondire i punti cardine del documentario perché ve ne rovinerei la visione, a questo punto annuncio invece l’inizio di una recensione assolutamente personale e soggettiva, in cui racconterò quello che ha colpito me durante la mia visione in anteprima.

Primissima impressione, semplice: la vita di Miyazaki è davvero strettamente connessa con il suo senso della Natura (di cui abbiamo già parlato qui). Sia il Museo Ghibli (che in questo caso non viene mostrato), che lo Studio Ghibli, che lo stesso spartanissimo studio privato del regista sono strettamente interconnessi con elementi naturali che li caratterizzano. L’importanza, almeno per me, di questo aspetto, risiede nel riconoscimento che questa è prova dell’onestà morale dell’artista, la sua coerenza, la sua rettitudine.

Seconda impressione: Hayao Miyazaki è una persona netta e nitida, con uno sguardo netto e nitido, che si propone agli altri (collaboratori e non) con atteggiamenti netti e nitidi. La sua superiorità in quanto autore, creatore e capo sezione emerge da questo documentario in modo così chiaro e diretto che è quasi sciocco che ve ne stia parlando, lo vedrete. Ma questi due aggettivi assonanti, netto e nitido, mi sono venuti spontanei alle mente osservandolo agire, anche solo per preparare un tè, con quel caschetto di capelli bianchi, per quanto quasi mai pettinato, che bilancia armoniosamente il bianco del grembiule, immacolato, che indossa per lavorare.

Never ending man Hayao Miyazaki

Eppure, guardandolo muoversi, ho pensato che nel suo aspetto ci fosse qualcosa che stonava con questa mia insistente considerazione, ed erano i suoi occhi. Se lo sguardo nella maggior parte dei momenti è appunto diretto e lucido (netto e nitido) con quella sfumatura fantasiosa cha hanno solo gli occhi dei giapponesi quando non sono perfettamente neri, ma sembrano di un grigio ferro traslucido e luminoso; in altri momenti, mentre guarda o pensa ai disegni, assume un peso diverso che non riuscivo bene a identificare.

Anche il suo aspetto ha qualcosa che stona con la mia idea su di lui: quella testa che sembra troppo grande sulle spalle strette e il corpo esile e legnoso è iconograficamente all’opposto alle linee del corpo di un gatto; perché allora ho sempre associato Miyazaki a un gatto, se nel suo aspetto esteriore non c’è nulla che lo richiami?

Ma a questo risponderò tra poco…

Intanto: una delle parole chiave del film è “vecchiaia”, è stato questo il motivo del suo annunciato ritiro e il maestro la ripete più volte parlando di sé e collegandola al suo lavoro. Eppure scoprirete (scusate, siamo in un campo pericolosamente vicino a un’anticipazione) che tutto sembra, Miya-san, tranne che un vecchio: per come si comporta, per come pensa al futuro, per come si incuriosisce e si entusiasma per il mondo che lo circonda.

Never ending man Hayao Miyazaki

E ragionando su questo ho finalmente trovato la risposta sull’enigma del Miya-gatto: gli occhi di questo grande uomo mentre lavora sembrano all’improvviso vedere cose meravigliose e inaudite, che lo ipnotizzano, cose così straordinarie che noi non riusciremmo mai a immaginare, e sono le cose che poi riporta nei suoi lavori e che incantano e hanno incantato e incanteranno tutti noi. Esattamente come i gatti a volte fissano un punto con attenzione feroce, seguendo immagini che noi non vediamo e non supponiamo, come se vedessero scene di universi e dimensioni a noi invisibili.

Ecco, Hayao Miyazaki, come i gatti, è un essere vivente che vive sul confine tra la nostra realtà e un mondo incredibile, con la differenza che lui, quelle immagini spettacolari, riesce a condividerle con noi.

Probabilmente rimarrà un esemplare unico, ma noi dobbiamo solo gioire del fatto che sia nato, che abbia compiuto il suo destino e ci abbia regalato quest’arte infinita e immortale. Come lui.

Vi ricordo che grazie a Nexo Digital e Dimensione Fumetto potrete godervi il film a un prezzo ridotto, stampando il coupon che vi offriamo qui.

Il trailer del film è disponibile su Vimeo.

Commenta !

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi