Il falco e la colomba di Osamu Tezuka – Assolutamente NON una recensione

Uno dei lati più fighi del collaborare con testate online di critica fumettistica è che le case editrici ti propongono le loro opere in anteprima. Il caporedattore butta lì una lista di titoli e i collaboratori si scannano tra loro come cani con l’osso. Da queste risse letterarie all’ultimo sangue si rischia di tornare a casa con qualche arto in meno e un incarico molto diverso da quello che si desiderava. Per esempio, invece dell’ennesima “graphic novel” blasonata da demolire dall’alto delle proprie pantofole, si torna a casa con un volume di Osamu Tezuka.

Ora, qualcuno dovrebbe spiegarmi come si possa mai recensire un’opera di Osamu Tezuka.

Cioè, immaginiamo di farci un giro oggi nel limbo di Dante Alighieri, dove il poeta fiorentino aveva ficcato i grandi pensatori dell’antichità classica che, non essendo battezzati, non avevano il Green Pass per il Paradiso ma, essendo quello che erano, non potevano certo andare all’Inferno. Dante ci aveva messo Socrate, Platone e Aristotele, Omero, Enea e Ippocrate, Seneca e Cicerone, i quali trascorrevano i loro giorni a conversare amabilmente, piluccando uva e guardando cantieri.

Ora, dovessimo tornarci oggi, chi ci troveremmo? Oltre ai succitati, a scambiarsi opinioni sui massimi sistemi, lo vedete lì? C’è Tezuka, che disegna la sua milionesima tavola, mentre Omero gli suggerisce qualche passaggio ai testi. Che parla con Buddha Siddharta della sua opera omonima. Che si confronta con Jack Kirby su problemi di dinamicità del tratto.

Copertina del primo volume de "Il falco e la colomba" di Osamu Tezuka.Il falco e la colomba è l’ennesimo capitolo della titanica impresa di 001 Edizioni, la quale, ed è questo che forse dovremmo tenere a mente, non sta operando come un’impresa commerciale in un’economia di mercato; ma sta piuttosto rendendo un servizio pubblico alla cultura italiana, rendendo disponibile pian piano l’opera omnia di uno degli autori più importanti del panorama letterario mondiale di tutti i tempi.

Ci deve essere un posto nel mondo dove è lo Stato a finanziare questo tipo di lavoro. In Italia più modestamente bisogna scucire una decina di euro a volume, il che tutto sommato non è poi questo gran sacrificio.

Quindi, mettiamo in chiaro una cosa: questa non è e non può essere una recensione di un’opera di Osamu Tezuka, perché le opere di Osamu Tezuka non possono essere recensite più di quanto non si possa recensire, che so, Hemingway. Puoi dire che non ti piace: ma è un problema tuo, non certo di Hemingway.

Una tavola dal primo volume de "Il falco e la colomba" di Osamu Tezuka.Allora non dirò se mi è piaciuto Il falco e la colomba: dirò che è un’opera particolare, quasi sperimentale. Nella consueta costruzione sinestetica della vicenda a cui Tezuka ci ha abituati, con quel flusso ininterrotto di generi narrativi e stilistici che si compenetrano e si stratificano l’uno sull’altro, si inserisce ne Il falco e la colomba la scelta di narrare diversi passaggi con la contrapposizione di testi e disegni, come in un libro illustrato di fiabe. Ed è proprio nella fiaba che Tezuka sceglie di inserire il suo tema preferito: quello del Destino, il quale però qui spicca a tratti in maniera più netta che nelle altre sue opere, quelle di genere fantascientifico, realistico, storico o mistico religioso.

Il Destino, ovvero questo divino manga in cui si intrecciano le vite di déi e uomini, formiche e galassie, stelle e granelli di polvere; in cui ognuno influenza la sorte degli altri in maniere che non può nemmeno immaginare. In cui serpenti immortali possono diventare madri amorevoli, gli uomini possono ribellarsi alle montagne, e due fratelli percorrono la propria strada mentre le forze cosmiche si contorcono, amano e odiano, sperano e disperano.

Una tavola dal primo volume de "Il falco e la colomba" di Osamu Tezuka.In fondo, a volerla guardare da lontano, è proprio questo il contorno dell’opera intera di Tezuka, di cui Il falco e la colomba sa essere un esemplare unico: un glorioso affresco della vicenda umana, bella e terribile, triste e solitaria, che l’Autore ha saputo rappresentare artisticamente in una forma semplice, trasparente e, grazie ad Hikari/001 edizioni, ora anche disponibile in italiano.


Osamu Tezuka
Il falco e la colomba, volume 1 di 2
001 Edizioni, Collana Hikari, 24 marzo 2021
329 pagg., b/n, rilegato, €22.00
ISBN: 978-8871821474

Francesco Pone

Francesco Pone legge fumetti da troppo tempo. La sua principale occupazione è tentare di far servire a qualcosa la sua laurea in filosofia.

Commenta !

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi