Guerriere dal Sol Levante: la figura della donna guerriera in Giappone

Giovedì 17 ottobre 2019 si è tenuto al MAO – Museo d’Arte Orientale di Torino il vernissage della mostra Guerriere dal Sol Levante. La figura della donna guerriera in Giappone, a cura dell’Associazione Yoshin Ryu e visitabile fino al 1 marzo 2020.

Il percorso espositivo si snoda rendendo un intenso omaggio alla figura della donna guerriera in Giappone, a partire dal filmato introduttivo le cui protagoniste sono le donne, in particolare quelle di classe guerriera, raccontate attraverso otto secoli di storia del Giappone caratterizzata da scontri e battaglie.

Foto dalla mostra "Guerriere dal Sol Levante. La figura della donna gurriera in Giappone" al MAO - Museo d'Arte Orientale di Torino.
Armi e oggetti usate dalle donne guerriere: combattere con stile.

La onna bugeisha (“donna guerriera”) era addestrata all’uso delle armi, in particolare della naginata, una lunga lama ricurva, e le prime sale della mostra raccontano le vicende di guerriere e condottiere leggendarie, come Hangaku Gozen, Tsuruhime di Omishima e Tomoe Gozen, esponendo oggetti storici e artistici provenienti dalle collezioni del MAO, del Museo Stibbert di Firenze e da varie collezioni private.

Foto dalla mostra "Guerriere dal Sol Levante. La figura della donna gurriera in Giappone" al MAO - Museo d'Arte Orientale di Torino.
Stampe ukiyo-e rappresentanti alcune donne guerriere riccamente abbigliate.

Oltre alle armi, alla stupefacente riproduzione olografica in 3D di un’armatura e a una corazza decorata di un’armatura di Scuola Myōchin, sono presenti anche stampe di celebri artisti di ukiyo-e, kimono e numerosi oggetti storici e artistici, che raccontano rituali, addestramento e quotidianità di donne valorose che hanno combattuto con coraggio.

Una sezione è dedicata alle donne letterate, a partire da Murasaki Shikibu, dama di corte e scrittrice, autrice del celeberrimo Genji monogatari, e ammirando le raffinatissime scatole per la scrittura non si può non pensare a quanto queste donne abbiano combattuto anche attraverso la letteratura, l’arte e il teatro per superare i pregiudizi di una società pensata dagli uomini per gli uomini.

Foto dalla mostra "Guerriere dal Sol Levante. La figura della donna gurriera in Giappone" al MAO - Museo d'Arte Orientale di Torino.
Alcune nōmen, le maschere che si usano nel Nō, un genere teatrale che include drammi basati su donne guerriere.

L’eredità delle donne guerriere è stata raccolta dai media contemporanei, che hanno creato icone indimenticabili: a loro è dedicata la seconda parte del percorso, a opera del co-curatore della mostra Fabrizio Modina, collezionista, storico di Mitologia Moderna e autore della enciclopedia analitica in tre volumi Super Robot Files.

Con oggetti rari e preziosi legati al mondo dei manga, degli anime e del cinema vengono raccontate le nuove generazioni di donne guerriere, le eroine della pop culture, da Wonder Woman alla Principessa Leia di Star Wars, da Lady Oscar a Sailor Moon, portatrici di modelli alternativi alla “principessa da salvare” e alla donna passiva, opaca e remissiva.

Foto dalla mostra "Guerriere dal Sol Levante. La figura della donna gurriera in Giappone" al MAO - Museo d'Arte Orientale di Torino.
Tre delle vetrine dedicate alle donne guerriere della cultura pop contemporanea: le eroine spaziali, le combattenti magiche e le cavaliere cappa & spada.

Bellissima la teca dedicata alle figure femminili create da Leiji Matsumoto, in visita a Torino per le celebrazioni dei 40 anni di Capitan Harlock in Italia, ma sono davvero tanti gli oggetti unici e rari e gli acetati in mostra: si va dal copione della sceneggiatura di un episodio di Sazae-san all’illustrazione di Sailor Moon realizzato del maestro Hisashi Kagawa, da una meravigliosa figure di Athena di Saint Seiya – qui presentata in anteprima mondiale – a creazioni esclusive, tra cui spicca per bellezza e preziosità dei materiali l’uniforme di Oscar François de Jarjayes, interamente cucita e realizzata a mano dalle allieve di Modina dell’Accademia Italiana di Moda e Couture.

Foto dalla mostra "Guerriere dal Sol Levante. La figura della donna gurriera in Giappone" al MAO - Museo d'Arte Orientale di Torino.
Le teche dedicate al Capitano De Jarjayes e alle donne di Saint Seiya.

Non mancano riferimenti alle eroine della pop culture occidentali, ricordate in un coinvolgente video: oltre a Wonder Woman, a Leia e alle eroine Disney, è immancabile La Sposa di Kill Bill di Tarantino, la cui katana tratta da Kill Bill – Vol. 1 è esposta in tutto il suo splendore.

Foto dalla mostra "Guerriere dal Sol Levante. La figura della donna gurriera in Giappone" al MAO - Museo d'Arte Orientale di Torino.
La leggendaria katana forgiata nella fucina di Hattori Hanzō a Okinawa.

Chiude la mostra la suggestiva installazione Invincibili – Donne “guerriere” nel mondo: quaranta lanterne realizzate da giovani artiste e artisti, dedicate ad altrettante donne che hanno cambiato il mondo nelle varie epoche storiche e a tutte le latitudini.

Foto dalla mostra "Guerriere dal Sol Levante. La figura della donna gurriera in Giappone" al MAO - Museo d'Arte Orientale di Torino.
Risplendono le donne che hanno cambiato la storia del mondo.

La mostra è accompagnata da un ciclo di conferenze, a cura dell’Associazione Yoshin Ryu:

  • Sabato 16 novembre 2019
    Conferenza di Leiji Matsumoto (annullata per motivi di salute)
    ore 11:00, conferenza
    ore 12:00, sessione di autografi
    A cura dell’Associazione Culturale Leiji Matsumoto con il supporto di Wacom
  • Domenica 24 novembre 2019, ore 16:00
    Beltà guerriere: figure di donne combattenti attraverso secoli d’arte giapponese
    A cura di Roberta Vergagni (yamatologa, consulente per l’Asia Orientale – MAO Museo d’Arte Orientale, Torino)
  • Domenica 1 dicembre 2019, ore 16:00
    La farfalla e la spada – Le donne guerriere della pop culture
    A cura di Fabrizio Modina, collezionista e storico di mitologia moderna
  • Domenica 15 dicembre 2019, ore 16:00
    Armate di penna e coraggio
    A cura di Anna Specchio (Ph.D in Digital Humanities – Lingua e Letteratura Giapponese, Dipartimento di Lingue e Letterature Straniere e Culture Moderne Università degli Studi di Torino)
  • Domenica 19 gennaio 2020, ore 16:00
    Fino all’estremo respiro: le donne guerriere del Giappone
    A cura di Rossella Marangoni (nipponista, vicepresidente di Asia Teatro)
  • Domenica 9 febbraio 2020, ore 16:00
    Alla scoperta del Giappone: i luoghi delle donne guerriere ieri e oggi
    A cura di Giada Turtoro per Bashō, dettagli di viaggio (nipponista, insegnante, interprete, agente di viaggio)
  • Domenica 16 febbraio 2020, ore 16:00
    Tra femminilità e disobbedienza. La prima generazione di attrici nel Giappone moderno
    A cura di Cinzia Toscano (PhD Servizi IT presso Alma Mater Studiorum – Arti dello spettacolo Università di Bologna, Dipartimento delle Arti)
  • Domenica 1 marzo 2020 ore 16
    Le guerriere nell’ombra
    A cura di Christian Russo (maestro di Jūtaijutsu Yoshin Ryu, autore e collezionista)

Presso il MAO è disponibile il catalogo bilingue italiano/inglese della mostra che, oltre alle foto dell’esposizione, comprende anche contributi redazionali e articoli di approfondimento, scritti da esperti nipponisti e non, sulle donne guerriere di ieri e di oggi.

Guerriere dal Sol Levante sta riscuotendo un ottimo successo in termini di pubblico: al 20 gennaio aveva già superato i 20’500 visitatori, e c’è ancora tempo fino al prossimo primo marzo per visitare questa mostra su un tema di centrale importanza per la cultura giapponese del passato e del presente.


Di seguito una galleria di foto scattate alla mostra.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ilaria Azzurra Caiazza

Ilaria Azzurra Caiazza

Figlia degli anni '80, ho conosciuto Neon Genesis Evangelion nel 2001 e da allora mi piace parlare di animazione e fumetto.

Commenta !

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi