Kosuke Fujishima si risposa con una cosplayer

Da qualche giorno la comunità otaku su Internet è totalmente in subbuglio per una news totalmente inaspettata: la cosplayer, idol e prezzemolina televisiva Nekomu Otogi, classe 1996, venti anni compiuti lo scorso 15 dicembre, ha sposato in seconde nozze il celeberrimo mangaka Kousuke Fujishima.

Kousuke Fujishima e Nekomu Orogi.
A sinistra, il fumettista Kousuke Fujishima posa con il cartello «Guidate con prudenza» per la campagna di sensibilizzazione alla guida sicura JAPAN-RIDERS; non è stato facile trovare una sua foto decente. A destra, la cosplayer Nekomu Otogi posa in abito da scolaretta in un set fotografico lungo un fiume; non è stato facile trovare una sua foto vestita.

Fujishima, noto in tutto il mondo sia per i suoi fumetti Sei in arresto! e Oh, mia dea! sia per i character design delle serie di videogiochi Sakura taisen e Tales of…, era già stato sposato e ha già avuto una figlia dal primo matrimonio. A quanto pare, dopo (?) il divorzio ha conosciuto questa giovanissima cosplayer e fra i due è sbocciato l’amore.

Il lieto evento è stato comunicato direttamente dalla neosposa sul suo account Twitter insieme con la notizia che la coppia aspetta un bambino. Nonostante i gioiosi messaggi di congratulazioni giunti sul social alla novella sposina e riportati dai siti internazionali di news a tema manga & anime, però, come al solito i giapponesi danno il loro meglio (??) quando possono celarsi dietro l’anonimato e calare la loro maschera di cortesia, e quindi il caso è esposto su Internet. La coppia di neosposi ha infatti attirato le malelingue degli otaku, un pubblico solo apparentemente aperto e disinibito, con tutte quelle fanciulle in déshabillé e tutti quegli uomini che sfogliano le doujinshi yaoi perché puramente interessati all’aspetto tecnico-grafico, e in realtà composto per la stragrande maggioranza da fan molto conservatori e poco disposti ad accettare cambiamenti sociali.

Nekomu Otogi in cosplay di Peorth.
Nekomu Otogi posa durante l’88a edizione del Comiket dell’agosto 2015 nelle vesti di Peorth di Oh, mia dea!, ovvero il più celebre fumetto di Fujishima: coincidenze?

Ecco quindi che sulla celeberrima bacheca on-line 2channel sono partiti fiumi di pettegolezzi degni dei peggiori bar della provincia italiana, vertenti soprattutto su tre accuse: la prima è che si è trattato di un matrimonio riparatore, dato che presumibilmente lei era già incinta prima del matrimonio, quindi quando ancora era vergine (???), e quindi la Otogi non era poi così pura e candida come dava a vedere. La seconda accusa riguarda la differenza anagrafica degli sposi, dato che lei ha appena 20 anni e lui 51, cioè si portano ben 31 anni d’età: una vita intera. E una vita intera è infatti il terzo argomento d’accusa, perché dal precedente matrimonio Fujishima aveva già avuto una figlia che è più vecchia della nuova moglie: questo vuol dire che la figlia di primo letto di Fujishima si è ritrovata una nuova madre più giovane di lei stessa.

Kousuke Fujishima con la sua Fiat 600 Abarth customizzata.
Kousuke Fujishima sfugge ai pettegolezzi sfrecciando sulla sua Fiat 600 Abarth customizzata in stile Pimp My Ride. L’autore è sempre stato celebre per il suo amato binomio donne & motori su cui si basa ogni sua opera, dalle poliziotte di Sei in arresto! in auto e scooter d’ordinanza della polizia giapponese, alle pilote del futuro di éX-Driver che risolvono i problemi del traffico a bordo di automobili Caterham Seven e Lancia Stratos: Fujishima è sempre stato un grande appassionato di auto europee e in particolare italiane.

Questa bizzarra storia matrimoniale ha avuto così grande risonanza on-line da aver raggiunto la tv giapponese, e nella puntata del 2 luglio di Jouhou 7 days newscaster, ovvero il programma di approfondimento giornalistico condotto da Shin’ichirou Azumi e Beat Takeshi (nome d’arte che usa il regista Takeshi Kitano quando lavora in tv), l’inviato della trasmissione è andato nel ritrovo mondiale degli otaku, ovvero ad Akihabara a Tokyo, per chiedere agli interessati cosa ne pensassero. Il servizio è stato molto interessante perché di nuovo ha mostrato lo status quo della società giapponese, ovvero la sua ambigua condizione di “Medioevo futuro”: se infatti da un lato è del tutto vera l’immagine tecnologica e industrialmente avanguardistica del Giappone, dall’altro persistono comportamenti che l’Occidente ha ormai superato o fortemente ridimensionato.

Intervistati per strada dal reporter, tutti gli otaku maschi giovani e meno giovani hanno dichiarato che il matrimonio di Fujishima è stato per loro uno shock incredibile e totalmente inaspettato, nonostante il mangaka da tempo retwittasse sporadicamente immagini della Otogi, e che ancora più shockante è il fatto che lei sia in dolce attesa: in pratica sposare una idol va ancora bene, ma metterla incinta proprio no, perché questo distrugge l’immagine virginale angelicata che ogni wota (otaku di idol) ha della propria beniamina. Sono state ancora più esplicite le ragazze, maid e cosplayer incontrate dall’intervistatore per le strade di Akihabara, le quali hanno dichiarato, tutte e senza mezzi termini, che la ragazza ha fatto benissimo ad accasarsi col ricchissimo Fujishima, che la invidiano e che anche loro non vedono l’ora di trovare qualche buon partito da impalmare. Sembrano risposte di ragazzine ancora incoscienti, e invece sono dichiarazioni molto lucide che riflettono lo stato ancora patriarcale della famiglia giapponese, in cui la famiglia allargata non esiste, se è ampia è perché ci sono molti figli e nipoti naturali, e soprattutto il sogno della donna è di sfornare bambini mentre sforna il pane per il marito lavoratore. L’immagine pilotata da ogni singolo spot tv, film romantico e canzone d’amore giapponese. D’altronde sappiamo bene che per le ragazze giapponesi il raggiungimento della felicità consiste nel matrimonio, e questa non è che un’ennesima conferma.

Sovraccoperta del volume giapponese numero 48 di "Oh, mia dea!".
La sovraccoperta dell’ultimo volume di Oh, mia dea!, in cui i fan hanno potuto finalmente leggere il finale della storia dopo ben 26 anni di serializzazione. Certo, finisce che si sposano: poteva forse andare diversamente?

Sperando che la figlia di Fujishima riesca a convivere bene con la sua nuova madre/sorella minore, auguriamo alla coppia di neosposi un felice matrimonio, e al Giappone un rapido svecchiamento sociale.

Mario Pasqualini

Mario Pasqualini

Sono nato 500 anni dopo Raffaello e probabilmente morirò anche 500 anni dopo Raffaello (ma non credo nello stesso modo).

Commenta !

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi