Maurizio Vannicola

Il mio primo fumetto fu Dylan Dog, ma la rovina arrivò con I Cavalieri dello Zodiaco e la situazione declinò definitivamente con Sailor Moon. Il mio dolce preferito è la zuppa inglese... Ora lo sapete!

my two cents #02 – Demon Slayer, Summer time rendering, Vita da Yamcha

Eccoci al nostro secondo appuntamento della nuova rubrica di DF con una aperiodicità tutta sua. Oggi vi dirò la mia su tre titoli che hanno in comune l’editore italiano, Edizioni Star Comics, partiamo.

Demon Slayer – Periodo Taishō, Tanjiro, un ragazzo con un olfatto particolarmente sviluppato, scopre la propria famiglia trucidata da un demone, tutti morti, tranne sua sorella Nezuko che, morsa dall’assassino, è in fase di transizione per divenire anche lei un essere maligno.

Per impedirne la trasformazione il giovane studierà come diventare un guerriero ammazza demoni e proteggere la ragazza!

Un manga che profuma di vecchio shōnen, con una trama avvincente e un disegno acerbo ma con larghi spunti di miglioramento, una lettura divertente a opera di Koyoharu Gotouge.

Koyoharu Gotouge
Demon Slayer – Kimetsu No Yaiba
Edizioni Star Comics, collana Big, maggio 2019
b/n, pp. 192, € 4,50

 

 

 


Summer Time Rendering Shinpei torna a Hitogashima, l’isola dove è cresciuto, per partecipare al funerale di Ushio, sua cara amica d’infanzia, gli avvenimenti prendono però una strana piega e il protagonista muore rivivendo più volte la stessa giornata.

Ma cosa sta succedendo? La leggenda del morbo delle ombre che si sostituiscono agli umani è dunque vera?

Con una trama appassionante, delle tavole cinematografiche e un disegno dettagliato e raffinato Yasuki Tanaka ha creato un fumetto davvero interessante e il primo volume getta le basi per una buona storia.

Yasuki Tanaka
Summer Time Rendering
Edizioni Star Comics, collana Techno, giugno 2019
b/n, sovraccoperta, pp. 208, €5,90

 


Vita da Yamcha – Dopo essere morto per una caduta da una scalinata, dove cercava di guardare meglio le mutandine di una ragazza, un liceale si reincarna in Yamcha, storico amico di avventure di Goku, per vivere le sue avventure.

Il protagonista ha però un grande vantaggio, conosce la trama di Dragon Ball a memoria e farà di tutto per far evolvere il proprio personaggio oltre i limiti a cui Toriyama aveva pensato.

Dragongarow Lee riesce a portare su carta una storia davvero divertente, con un tratto fedelissimo a quello del manga originale con dei risvolti inaspettati, imperdibile per un fan della saga delle Sfere del Drago!

Akira Toriyama, Dragongarow Lee
Dragon Ball side story: vita da Yamcha
Edizioni Star Comics, collana Wonder, aprile 2019
b/n, pp. 144, €5,90

Akira di Katsuhiro Otomo: in arrivo una serie animata

Katsuhiro Otomo ha annunciato, all’Anime Expo di Los Angeles, nuovi progetti inerenti ad Akira, di cui è autore del manga e regista del film.

Il presidente e amministratore delegato di Sunrise, Makoto Asanuma, ha presentato un breve teaser per una nuova serie animata televisiva dedicata ad Akira. Scusandosi per la brevità del video, dovuta al fatto che lo staff sta ancora sviluppando il progetto, Asanuma ha dichiarato che c’è la volontà di incorporare l’intera storia del manga.

Il manga di Otomo è ambientato a Neo-Tokyo, una città ricostruita dopo essere stata distrutta in una misteriosa esplosione. Fu pubblicato a puntate dalla Kodansha sulla rivista Weekly Young Magazine dal 1982 al 1990. Otomo diresse anche il suo adattamento cinematografico d’animazione che ha debuttato il 16 luglio 1988, lo stesso giorno in cui, secondo la storia, Tokyo fu distrutta. Quersto film verrà remasterizzato in 4K e la sua uscita è prevista per la prossima primavera in Giappone, il 24 aprile 2020. Il remaster 4K verrà proiettato anche negli Stati Uniti.

Infine, la Warner Bros ha annunciato nel 2008 un adattamento cinematografico diretto da Taika Waititi (Thor: Ragnarok, Boy, Hunt for the Wilderpeople). Dopo oltre dieci anni di gestazione, il film dovrebbe finalmente uscire nelle sale il 21 maggio 2021.

Dragon Ball Super Broly: arriva in dvd e blu-ray

Dragon Ball Super: Broly è semplicemente un ciclone di nostalgia, un turbine di combattimenti e sfavillanti aure di energia.

Primo film legato alla serie Super, la recente reincarnazione di Dragon Ball che racconta gli avvenimenti accaduti dopo la saga di Majin Bu, ha come obiettivo quello di reboottare le origini di Broly, il Super Saiyan della leggenda che i fan della serie tanto amano.

Come per La battaglia degli dei e La resurrezione di F, il film si colloca in continuità narrativa con la storyline principale appena dopo la conclusione del Torneo del Potere.

La regia a opera di Tatsuya Nagamine, su soggetto e sceneggiatura di Akira Toriyama, è convincente e sia la realizzazione tecnica a opera della Toei Animation che le musiche di Norihito Sumitomo sono di buon livello.

Il film è studiato appositamente per i fan che, a giudicare dagli incassi in tutto il mondo, hanno ben recepito e gradito al meglio la pellicola.

Un fan della vecchia guardia come me rimane invece rapito dall’alone di nostalgia di cui tutta la parte iniziale è impregnata e la voglia di rivedere la prima storica saga è tanta; le trame e le gag delle origini della serie rimangono tuttora insuperabili ma di certo una pellicola del genere ha uno scopo diverso, cioè, come altri appassionati mi hanno fatto notare, le mazzate. Ed è palesemente questo il fine, portare sul grande schermo scazzottate, urla squarcianti e esplosioni di energia in un susseguirsi di trasformazioni che si concludono nella comparsa del Super Saiyan Blue.

Un film spassoso, un ritmo incalzante che purtroppo sacrifica la caratterizzazioni dei personaggi.

Nel complesso un buon prodotto per i fan, arricchito dall’edizione italiana in home video a cura della Anime Factory che ci propone tre edizioni, una ultra limited edition in steelbook e due regular con cover lenticolare sia in blu-ray che dvd.

TRAMA Un pianeta distrutto, una potente razza ridotta in cenere. Dopo l’esplosione del Pianeta Vegeta, tre Saiyan furono dispersi nello spazio, costretti a diversi destini. Mentre due di loro hanno trovato casa sulla Terra, il terzo, cresciuto dal padre che gli ha instillato un ardente desiderio di vendetta, sviluppa una potenza incredibile. Il momento per questa vendetta è finalmente arrivato! I tre destini si incroceranno in una battaglia che scuoterà l’intero Universo!
Son Goku è tornato ad allenarsi duramente per poter affrontare i nemici più potenti che le galassie hanno da offrire, e Vegeta non è da meno. Ma quando improvvisamente i due si troveranno di fronte un ignoto Saiyan, scopriranno una forza atroce e devastante.

DATI TECNICI
Durata: 100 minuti
Video: 1080p @24 1.78:1
Audio: Italiano (doppiaggio cinema) 5.1 DTS-HD Master Audio, Italiano (doppiaggio TV) 5.1 DTS-HD Master Audio, Giapponese 5.1 DTS-HD Master
Sottotitoli: Italiano
Extra:
SPECIALE DOPPIAGGIO: In sala doppiaggio con Claudio Moneta, Gianluca Iacono, Mario Bombardieri, Emanuela Pacotto
CREDITI EDIZIONE ITALIANA
TRAILER
Contenuti speciali:
– 5 Card da collezione
– 1 bustina Dragon Ball Super Card Game
– 1 buono ingresso gratuito a Mirabilandia*
* promozione 3×2 valida fino al 3 novembre 2019

La fine di THE WALKING DEAD: le dichiarazioni di Andrea G. Ciccarelli e gli annunci di saldaPress

– comunicato stampa –

Il numero 193 di The Walking Dead, in uscita questa settimana negli USA, è destinato a entrare nella storia del fumetto mondiale. Per una ragione semplice e inaspettata: si tratta dell’ultimo numero del capolavoro di Robert Kirkman. Un capolavoro iniziato più di quindici anni fa senza grandi aspettative e che invece, col trascorrere del tempo, ha ‘infettato’ tutti i media, fino a trasformarsi in un fenomeno cross-mediale di proporzioni gigantesche.

The Walking Dead finisce. E finirà a breve anche in Italia: saldaPress ha appena annunciato che a dicembre verrà pubblicato il volume 32 – l’ultimo della serie – e il direttore editoriale Andrea G. Ciccarelli ha rilasciato una dichiarazione ufficiale, per celebrare un momento importante, che segna la fine di una storia, per dare inizio alla leggenda.

«Sebbene Skybound ci avesse dato la possibilità di leggere in anteprima il #193 di The Walking Dead» ha detto Andrea G. Ciccarelli,  «le parole ‘THE END’ alla fine dell’albo mi hanno lasciato comunque a bocca aperta. Come immagino stia succedendo a chi, in queste ore, legge l’albo negli USA.Il primo pensiero è stato che è un finale perfetto che arriva alla fine di una bella, bellissima storia, piena di personaggi indimenticabili. E che conclude un romanzo a fumetti durato 16 anni, un lunghissimo periodo di tempo in cui The Walking Dead è stato capace di cambiare in tanti modi la vita di tante persone in tutto il mondo. Ed è bello pensare che tutto ciò sia stato reso possibile da una storia. Quindi il sentimento principale che provo adesso è quello di gratitudine – come lettore e come editore – verso Robert Kirkman che, questa storia l’ha creata e l’ha scritta. E verso tutti coloro che, negli anni, ci hanno lavorato per portarla mensilmente ai lettori. Tra questi, in primis, ovviamente Charlie Adlard e Tony Moore che l’hanno disegnata, insieme a Cliff Rathburn, Stefano Gaudiano e Dave Stewart che hanno aggiunto toni di grigio, inchiostri e colori. E, in generale, verso Skybound, uno dei nostri principali partner editoriali che dal 2010 non ha mai smesso di affidarci grandissime storie da pubblicare qui in Italia. E come dice anche il finale di The Walking Dead – tranquilli, nessuno spoiler – sono le storie il centro di tutto. E, in questo, Robert e la squadra Skybound restano imbattibili”.

Come anticipato, il volume 32 dell’edizione brossurata – la prima pubblicata in Italia da saldaPress a partire dal 2005 – sarà l’ultimo. Questo significa che il Compendium 4, attesissimo dai lettori e in uscita nei primi mesi del 2020, sarà l’ultimo di quella edizione; e che il Libro 16 sarà l’ultimo dell’edizione cartonata. Ma saldaPress ha annunciato ufficialmente anche il destino dell’edizione bimestrale, che si concluderà col numero 70, e il numero di volumi che comporranno la nuova edizione, che verrà lanciata a fine luglio: THE WALKING DEAD RACCOLTA conterà in tutto otto volumi, da più di 500 pagine ciascuno. Un’occasione perfetta per iniziare a leggere il capolavoro creato e scritto da Robert Kirkman, disegnato all’inizio da Tony Moore e per oltre 15 anni da Charlie Adlard.

Un’occasione per tuffarsi in una saga straordinaria, proprio nel momento in cui entra nella leggenda, mettendo la parola fine al termine della sua ultima tavola.

Arriva Sailor Moon Crystal IV: Sailor Moon Eternal nel 2020

NEWS

L’annuncio è finalmente arrivato: Sailor Moon Crystal IV arriverà nel 2020!

 

La Toei Animation ha dato l’annuncio nel corso dell’Usagi Special Birthday Party 2019 (i festeggiamenti in onore del compleanno di Usagi) tenutosi il 30 giugno, e avrà il titolo Bishōjo Senshi Sailor Moon Eternal.
Come trapelato tempo fa, il quarto arco sarà trasportato in animazione tramite un film in due parti, sarà il seguito diretto di Sailor Moon Crystal Season III e coprirà l’intera serie del Dead Moon.

Il character design sarà di Kazuko Tadano, già all’opera nelle prime due serie classiche, la regia di Chiaki Kon (Sailor Moon Crystal III), la sceneggiatura di Kazuyuki Fudeyasu (JoJo’s Bizarre Adventure), il tutto supervisionato dalla stessa Naoko Takeuchi autrice del manga.

Nel poster promozionale compaiono Sailor Moon e Sailor Chibiusa, mentre nel video promo possiamo vedere anche il design delle combattenti del sistema solare interno.

 

Dal 1 luglio sarà poi disponibile la versione digitale del manga nell’edizione Eternal, in Italia sarà curata e seguita da Edizioni Star Comics, come l’imminente versione cartacea dello stesso.

Qui tutte le info: http://www.sailormoondigital-sp.com/#

Ma gli annunci non finiscono qui:

La catena UNIQLO distribuirà una collezione esclusiva di t-shirt dedicate al brand nella loro linea UT e Samantha Thavas produrrà una linea di borse ispirata alla serie.

A giugno 2020 verrà messo in scena uno spettacolo sul ghiaccio con la presenza di Evgenia Medvedeva, pattinatrice di fama mondiale e grande fan della serie

A ottobre aprirà i battenti il Girls Night Out Sailor Moon Café 2019 e il 9 e 10 novembre si svolgerà l’evento Akiko Kosaka 45th Anniversary Commemoration Pretty Guardians Sailor Moon Music History Supported by Pretty Guardians.

A questo punto non rimane che convivere con la trepidante attesa.

my two cents #01 – Card Captor Sakura: Clear Card, Note dall’appartamento 107, Reverie

  1. Inizia oggi una nuova rubrica su Dimensione Fumetto: my two cents, contrazione dell’espressione americana “put my two cents in” che in italiano potrebbe suonare come “secondo la mia modesta opinione”.

Partiamo oggi parlando di Card Captor Sakura: Clear Card, Note dall’appartamento 107 e Reverie, tre opere collegate da un tema comune: il sogno.

Card Captor Sakura: Clear Card

A distanza di ben sedici anni dalla conclusione della serie storica, la catturacarte delle CLAMP torna con un nuovo ciclo di storie denominato Card Captor Sakura: Clear Card. Sakura si sta affacciando all’adolescenza e sta per iniziare le scuole medie, ma questo non è l’unico cambiamento nella sua vita. Le carte di Clow hanno perso il loro potere e sono diventate trasparenti, un uomo incappucciato e vestito di una tunica bianca sembra essere collegato all’avvenimento, e una nuova chiave compare in aiuto della catturacarte. Le autrici riescono a mantenere la stessa atmosfera a cui eravamo abituati, fresca, spensierata, ma densa di mistero. La trama entra subito nel vivo, i disegni rimangono coerenti con quelli della serie storica e l’uso di un tratto sottile aiuta a particolareggiare le vignette senza appesantirle.

CLAMP
Card Captor Sakura: Clear Card
Edizioni Star Comics, collana Greatest, maggio 2019
b/n, pp. 160, € 4,50


Note dall’appartamento 107

Il confine fra sogno e realtà è sempre molto labile e l’esordiente Kashiwai lo sa bene, come ci mostra nel volume Note dall’appartamento 107. Una raccolta di storie brevi, delle piccole poesie a fumetti rese eleganti da una colorazione raffinata e delicata, con una palette di tinte desaturate che si intrecciano sapientemente con il bianco della carta e il tratto sottile della china. Filo conduttore di tutti i capitoli è una giovane donna che ci trasporta all’interno della sua vita (o dei suoi sogni?) e attraverso di essi veniamo risucchiati in questo vortice surreale e intricato che forse trova risposta solo nell’ultima pagina. Forse…

Kashiwai
Note dall’appartamento 107
Edizioni Star Comics, collana Wasabi, maggio 2019
colore, pp. 168, € 12,00

 


Reverie

Il sogno continua anche dopo la lettura se riusciamo a lasciarci andare alla rêverie (in francese “fantasticheria”, ma nel linguaggio della critica il termine è usato per indicare un abbandono all’immaginario fantastico), e immergerci nell’omonimo volume di Golo Zhao. Parigi, la città che ha visto nascere e crescere artisti di tutte le epoche, è lo scenario della storia che racconta di Jun, un giovane scrittore cinese, trasferito nella capitale francese per prendere ispirazione dall’arte europea. Qui farà la conoscenza di Dominique, ed è proprio da quello che dovrebbe essere il loro ultimo incontro che la narrazione prende il volo in un continuo alternarsi di realtà e fantasia, facilitato nel suo viaggio dal supporto del disegno. Un tratto vibrante, quello di Zhao, che associa il nero della china al bianco della tempera entrambi su un fondo che simula la carta kraft tipica dei pacchi, un trinomio che dona alla storia una piacevole atmosfera di handmade.

Golo Zhao
Reverie
BAO Publishing, Collana Cinese, giugno 2017
bicromia, pp. 232, € 19,00

Atelier of Witch Hat: un’officina per aspiranti maghi!

Copertina del primo volume italiano.

La magia è un dono e solo chi lo possiede dalla nascita può aspirare a divenire un mago, ma la giovane Coco scoprirà presto che questa non è l’assoluta verità e l’incontro con un Maestro delle arti magiche la porterà a divenire un membro dell’Atelier of Witch Hat.

Arriva in Italia, grazie alla Panini Comics, il primo volume di una piacevole storia fantasy con protagonista una giovane ragazzina affascinata fin dalla nascita dalle arti magiche. Nella realtà in cui vive Coco la magia viene usata quotidianamente per le piccole e grandi comodità, ma solo chi ne ha in sé il dono dalla nascita può praticarla; nonostante ciò la piccola protagonista non vuole rinunciare al suo sogno di divenire una maga e presto gli eventi la porteranno a scoprire il segreto della magia e come poterla praticare, ma tutto che ha un prezzo e scoprirlo non sarà piacevole.

Anche se il tema è molto inflazionato, l’opera presenta diverse trovate molto interessanti, prima fra tutte quella di usare il disegno come veicolo per generare le magie. Il disegno genera magia, il disegno è arte, il fumetto che si ottiene dal disegno è arte, quindi per la proprietà transitiva il fumetto genera magia a sua volta, una sorta di immagine allo specchio che si riflette all’infinito, una sorta di meta-arte.

Tavola tratta da Atelier of Witch Hat a sinistra, xilografia di Albrecht Dürer a destra.

La storia di questo primo volume è coinvolgente: fin dalle prime pagine ci porta al centro dell’azione delineandosi poi nei capitoli successivi in modo coerente e appassionante. L’aspetto artistico è molto gradevole, le tavole a colori (assenti purtroppo nell’edizione italiana) realizzate ad acquerello sono una meraviglia per gli occhi. Il tratto a china, sporco quanto basta, vede l‘utilizzo di una tecnica del chiaroscuro che ricorda un po’ le xilografie medioevali, l’atmosfera che delinea ha un che di nostalgico al profumo di Studio Ghibli.

Kamome Shirahama, autrice della serie, ha al suo attivo diverse cover di serie DCMarvel (tra cui spiccano quelle di Star Wars) e in patria una miniserie in tre volumi intitolata Enidewi anch’essa a tema fantasy.

Atelier of Witch Hat è un seinen edificante, ben realizzato e di cui consiglio vivamente la lettura. A quanto pare siamo agli inizi della carriera dell’autrice e non abbiamo altre opere per effettuare un paragone, ma da ciò che emerge da questo volume devo dire che le premesse sono buone. Non lasciatevi scappare l’occasione di scoprire come poter diventare anche voi degli esperti maghi!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Berserk: l’epoca d’oro in steelbook

A distanza di 23 anni dalla sua prima pubblicazione cartacea in Italia a opera di Panini Comics, Berserk continua a far parlare di sé, questa volta a opera di Anime Factory, è infatti uscita in Italia l’edizione steelbook della trilogia cinematografica de L’epoca d’oro.

Per mano del regista Toshiyuki Kubooka, visto già al lavoro su Nadia, il mistero della pietra azzurra e Batman: Il cavaliere di Gotham, i tre lungometraggi hanno goduto di speciali proiezioni anche nei nostri cinema, ma a causa di problemi di diritti fino a ora non era stato possibile avere un’edizione home video completa.

La storia riprende appunto “l’epoca d’oro” del manga partendo dall’incontro tra Gatsu e Grifis, passando per la prigionia di quest’ultimo nelle Midland per poi concludersi con la fase finale dell’eclissi e la nascita del Cavaliere Nero.

Il livello tecnico è altissimo sia per disegni che nell’animazione, il doppiaggio, edito da Yamato Video, è eseguito a Roma nello studio Coop. Eddy Cortese e mantiene i nomi in senso anglofono come nel resto del mondo, troviamo quindi delle differenze rispetto al manga che segue una politica diversa a livello di adattamento.

Il cofanetto in metallo racchiude tre dischi, uno per ogni film, e tre maxicard da collezione, una buona edizione che permette di avere l’intera trilogia a un prezzo contenuto.

TRAMA: Nelle terre di Midland, un ragazzo immensamente forte conduce una vita priva di desideri e sogni, combattendo una battaglia dopo l’altra senza schierarsi con qualcuno o credere in qualcosa.  Il suo nome è Guts, ed è un mercenario… Su quello stesso suolo muove i suoi passi un uomo dalle immense ambizioni, la persona che ha raccolto a sé un valoroso gruppo di soldati, la Squadra dei Falchi. Il suo nome è Griffith e, grazie a questi due fondamentali elementi, farà strada alla sua gloria…”

DATI TECNICI:

Numero dischi: 3

Video: 16/9 2:35:1 1080p-24fps

Audio: Italiano 5.1 Master Audio; Giapponese 5.1 Dolby True HD

Sottotitoli: Italiano

Durata: 258 minuti

Extra: In regalo 3 Maxicard da collezione

Card Captor Sakura: l’opera seminale delle CLAMP

Cover del primo numero della Perfect Edition italiana di "Card Captor Sakura" di CLAMP.

Cover del primo numero della Perfect Edition italiana di Card Captor Sakura.

Poteri magici, esoterismo, dolcezza e semplicità sono le caratteristiche che contraddistinguono una delle opere più significative e seminali del panorama fumettistico nipponico: Card Captor Sakura.

Siamo nel 1991 e in Giappone esplode il fenomeno nato dalle mani di Naoko Takeuchi, una delle serie più iconiche del fumetto e dell’animazione mondiale con protagoniste delle giovani vestite alla marinaretta e con poteri provenienti dai pianeti del sistema solare, una serie che ha rivoluzionato e cambiato per sempre il concetto di majokko: Pretty Guardian Sailor Moon!

I canoni del genere “maghette” viene reinventato, attualizzato e acquisisce nuova forza e vigore; molte sono le serie nate sulla scia delle Guerriere alla marinaretta e di certo le CLAMP, fiorenti a attive autrici fin dall’inizio degli anni Novanta, non si sono fatte scappare l’occasione proponendo opere significative come Magic Knight Rayearth e in seguito Card Captor Sakura.

Sakura Kinomoto, protagonista della storia, è una ragazzina di 10 anni che trova casualmente, nella libreria del padre, il volume The Clow, aprendolo ne rompe il sigillo causando la fuga delle Clow Card contenute al suo interno e il risveglio di Cerberus il loro custode, un possente leone alato che, privo dei suoi poteri provenienti dal Sole, ha le sembianze di un peluches. Kero-chan, così rinominato dalla protagonista, le spiega che ora il suo scopo sarà quello di trovare e riunire tutte le carte di Clow e sventare così la catastrofe che si scaglierà sul mondo intero se questo non avverrà. Iniziano così le avventure della giovane cattura-carte che verrà affiancata nella sua ricerca dalla sua migliore amica Tomoyo e dal suo rivale, e poi fidanzato, Syaoran Li, discendente del mago Clow, creatore delle carte, che giunge in Giappone, dalla Cina, con il compito di impedire anch’egli la catastrofe.

La trama di Card Captor Sakura è però ben più articolata e conosceremo altri personaggi fondamentali come Touya, fratello della protagonista, e Yukito, suo migliore amico, che altri non è che l’ospitante di Yue, l’altro custode delle carte che prende i poteri dalla Luna.

Illustrazione da "Card Captor Sakura" di CLAMP.

Copertina del libro The Clow, dove ritroviamo i simboli alchemici e i loghi dei Mashin di Magic Knight Rayearth.

Le CLAMP creano dunque una storia sofisticata che unisce il tema delle majokko con l’esoterismo e ai tarocchi. Le Clow Card sono infatti liberamente ispirate a questa tipologia di carte che da sempre sono avvolte da mistero e mitologia. Composte da 78 pezzi, i tarocchi hanno origine nel XV secolo nell’Italia settentrionale per poi raggiungere l’apice della loro diffusione, e del loro utilizzo, tra il XVII e XVIII secolo. Il loro principale uso è quello della divinazione e presto verranno associati alla cabala, punto di incontro di tutti i rami legati all’esperienza esoterica. Tutta la storia si basa quindi sui tarocchi, sulla loro funzione e sui poteri in essi racchiusi. Quando Sakura richiama il potere della chiave, quando la usa per catturare le carte o quando evoca i loro poteri, sotto ai suoi piedi compare un cerchio magico, lo stesso raffigurato sul retro delle Clow Card, in cui troviamo inscritta una stella a dodici punte che simboleggia i dodici segni zodiacali. All’interno dei triangoli formati dall’intersezione delle rette che compongono la stella vengono rappresentate delle icone liberamente ispirate a dei simboli alchemici, e i tre identificativi dei Mashin di Magic Knight Rayearth: su tutti trionfano il Sole e la Luna che da sempre rappresentano l’opposizione della luce e dell’ombra; il primo rappresenta la parte maschile e simboleggia l’origine e la ragione che porta luce, domina il buio e illumina l’intelletto, la seconda, invece, rappresenta l’oscurità e la mutabilità delle forme.

Oltre alla componente magica però quello che dà ulteriore valore all’opera è il profondo messaggio sociale insito in essa. Temi come l’integrazione razziale e l’omosessualità vengono introdotti e trattati con estreme naturalezza e disinvoltura, scelta sicuramente azzeccata in quanto l’opera è inizialmente rivolta a un target decisamente basso, non ancora condizionato dai pregiudizi della società e quindi più ricettivo e sensibile verso tematiche così importanti.

Il giusto mix di elementi così accattivanti aiuta Card Captor Sakura a raggiungere presto un grande successo, tanto da giustificarne la produzione di due serie animate a opera della Madhouse e di due film d’animazione per il cinema.

In occasione del suo ventennale, nel 2016 le autrici hanno annunciato un sequel intitolato Card Captor Sakura: Clear Card, pubblicato dal luglio dello stesso anno sulla rivista Nakayoshi e da questo mese anche in Italia, grazie alle Edizioni Star Comics, storica casa editrice che ha pubblicato le avventure di Sakura in ben due vesti, una datata 1999 e una perfect edition risalente al 2012.

Le avventure della piccola cattura-carte non sono dunque concluse, e ora che è ormai adolescente cosa le riserverà il futuro? Non ci resta che immergerci nella lettura della nuova serie in edicola e fumetteria dal 15 maggio!

Tavola del fumetto "Card Captor Sakura: Clear Card" di CLAMP.

Tavola tratta dalla nuova serie Cardcaptor: Clear Card.

LA STAR DE IL TRONO DI SPADE: JEROME “bronn” FLYNN A COMICON

Jerome Flynn, attore britannico che interpreta l’eroico e irriverente mercenario Bronn nella serie tv Il Trono di Spade, sarà ospite di COMICON. Spalla e uomo di fiducia di Jaime Lannister, Bronn è stato ed è una delle grandi rivelazioni della serie ed è oggi tra i personaggi più amati dai fan: imbattibile uomo d’armi ma anche capace di dispensare ottimi consigli, affidabile in guerra come nelle trattative, purché ci sia di mezzo qualche moneta d’oro… o magari la promessa di un castello.Flynn incontrerà il pubblico sabato 27 aprile, alle 15.30, presso l’Auditorium del Teatro Mediterraneo della Mostra d’Oltremare, per discutere e festeggiare la stagione finale de Il Trono di Spadee raccontare i suoi prossimi progetti.

Jerome Flynnè un attore britannico conosciuto per il ruolo del caporale Paddy Garvey nella serie televisiva Soldier Soldiere del mercenario Bronn nella serie televisiva Il Trono di Spade. È membro del duo di cantanti Robson & Jerome.

Ha debuttato 1986 nel film TV London’s Burning. Successivamente ha recitato nello show di ITV The Fear (1988) e nella serie poliziesca Between The Lines (1992). A partire dal 1990 ha interpretato il caporale Paddy Garvey nella serie Soldier Soldier. Durante un episodio Flynn e Robson Green hanno cantato Unchained Melodyottenendo un successo tale da portarli a registrare la canzone come singolo e raggiungendo la prima posizione in classifica nel 1995. Dal 2011 interpreta Bronn nella serie tv Il Trono di Spade. Nel 2019 tornerà al cinema con John Wick 3: Parabellum.

La stagione finale de Il Trono di Spadedebutterà in onda, in contemporanea con HBO, su Sky Atlantic e in streaming su NOW TV dalle 3 della notte fra il 14 e il 15 aprile. Sarà disponibile anche su Sky On Demand.

Questo slideshow richiede JavaScript.