Monthly Archives: ottobre 2016

Akim, Franklin e me: una personalissima visione di Da quassù la Terra è bellissima

Terra Toni Bruno

Negli anni ho stretto con la Paura un legame molto forte. Controlla gran parte delle mie scelte, è la guida di alcuni pensieri e molte azioni, mi consiglia fin da piccola in ogni aspetto della vita. A volte questo è un bene, probabilmente sono viva per la paura delle conseguenze di determinate azioni, ma l’aspetto positivo riguarda forse il 3% della mia relazione con Lei. La verità è che la paura, quando prende il sopravvento, è un parassita che divora gran parte della tua persona e combatterla significa violentarsi, forzare il corpo a una reazione contraria all’istinto, farsi carico di una fatica e di un dolore che non tutti riescono a sopportare. Per questo diventa fin troppo semplice chiudere gli occhi e lasciarla fare, non opporre resistenza, restare immobili.

Stare immobili, signor Jones… Quello sì che è scappare.

Negli anni ’60 della Guerra Fredda, il cosmonauta russo Akim Smirnov è rientrato dalla difficile missione che lo ha portato a essere il primo uomo nello spazio ed eroe nazionale. Ha gli occhi del mondo puntati addosso e i sovietici lo vorrebbero già pronto a tornare in orbita per confermare la supremazia sugli Stati Uniti. Purtroppo però il Maggiore Smirnov è bloccato, non è in grado di affrontare i test necessari all’addestramento e ogni confronto con i superiori o con la moglie si conclude in una esplosione di rabbia che colpisce gli altri ma che è, in realtà, indirizzata a se stesso.

Terra Toni Bruno

In America troviamo Franklin Jones, uomo carismatico e psicologo brillante con un grande problema di ansia che sfocia in frequenti attacchi di panico. Per evitare di doversi arruolare e andare a combattere in Vietnam, accetta di raggiungere l’Unione Sovietica per “aggiustare” l’astronauta.

Mi sono bastate pochissime pagine per entrare in sintonia con i due protagonisti, specialmente con Akim. Avendo a che fare ogni giorno con le mie inquietudini, temevo che il fumetto potesse affrontare la questione in modo banale, frettoloso o troppo sopra le righe, invece Toni Bruno tratteggia i suoi personaggi in maniera credibile e misurata.

Un gran punto di forza è anche la relazione tra i due. Vengono da due mondi differenti per cultura, mentalità e tradizione, la tensione politica tra URSS e USA traspare dai loro dialoghi e dall’atteggiamento inizialmente diffidente del russo. Jones invece, da buon medico, non ha interesse nei giochetti o negli intrighi, il paziente in quanto persona ha la priorità su tutto il resto. Ok, le non-tanto-velate minacce hanno avuto il loro peso ma fin da subito si comprende la volontà di Jones di aiutare Smirnov; anche quest’ultimo se ne rende conto e in quel momento comincia ad aprirsi, e il loro rapporto a evolvere in amicizia. Uno sviluppo importante questo perché è la consapevolezza di avere entrambi qualcosa dentro da tenere a bada che li porta a muoversi, a liberarsi da quella stasi che è la vera fuga, come dice  Fëdor (personaggio secondario che A-D-O-R-O).

Terra toni bruno

Una scelta poi che ho particolarmente apprezzato è quella di evitare lo “spiegone”. Le paure dei protagonisti nascono da eventi traumatici passati che si ripercuotono sul loro presente e la storia è permeata da incubi, ricordi e suggestioni ma la loro interpretazione è lasciata (quasi) interamente al lettore; in questo modo non si appesantisce la lettura e il blocco narrativo rimane compatto e lineare senza inutili divagazioni.

Lo stile di Bruno è pulito, elegante, semplice ma dettagliato, le ambientazioni sono molto curate.

 

Se proprio bisogna trovare un “difetto” forse sta nell’eccesso di buoni sentimenti che pervade la storia, ma non lo considero una mancanza perché non è importante tanto la veridicità di un rapporto all’interno di un determinato periodo storico quanto l’essere tutti simili di fronte a emozioni forti e primordiali come la Paura.

toni bruno Terra

 

C’è un’altra frase che ho trovato diretta e in parte spiazzante, nonostante sia estremamente semplicistica (e infatti nel balloon successivo si dice lo stesso), una frase che proprio affermando l’ovvio si carica di una forza che dovrebbe spingerci tutti, me in primis, a dare un calcio in culo alla paura. A cominciare a vivere davvero.

 Sa cosa basterebbe, invece? Guardarci da lontano…per un attimo.

Forse comprenderemmo di quali meraviglie ci priviamo per colpa delle nostre paure.

Da quassù la Terra è bellissima di Toni Bruno

BAO Publishing, 2016

208 pagine a colori, € 20,00

“Animeland – Racconti tra manga, anime e cosplay” di Francesco Chiatante

– Comunicato Stampa –

Venerdì 28 ottobre 2016 h. 13:00 Il documentario Animeland – Racconti tra manga, anime e cosplay, di Francesco Chiatante proiettato a Lucca Comics&Games il 28 ottobre nell’ambito dell’evento ’25 Anni Kappa’, alla presenza del regista e dei Kappa Boys

Sarà proiettato a Lucca Comics & Games, venerdì 28 ottobre, presso l’Auditorium San Girolamo a partire dalle ore 13:00 nell’ambito dell’evento ‘25 Anni Kappa‘ (dettagli su www.facebook.com/kappalabedizioni), il documentario Animeland – Racconti tra manga, anime e cosplay, opera prima diretta da Francesco Chiatante, che sarà presente alla proiezione con i Kappa Boys.

Il documentario, presentato in anteprima mondiale a Roma, alla nona edizione del Roma Fiction Fest, è ideato e interamente realizzato in low budget dal regista Francesco Chiatante, che ne ha curato anche montaggio, fotografia e post produzione. Il documentario è stato quindi proiettato in numerosi festival e rassegne tra cui il Lecce Film Fest, la rassegna Nemoland di Firenze, il Far East Fest 2016 di Udine e il Festival dell’Oriente di Roma. Una proiezione privata è stata quindi organizzata per i dipendenti della Rainbow, che produce il cartone animato Winx. Animeland è stato quindi presentato al BGeek – BariGeekFest, al festival Etna Comics di Catania e all’Isola del Cinema di Roma, sempre alla presenza del regista. Il 27 settembre scorso Animeland ha aperto il festival cinematografico Terra di Siena, quindi è stato proiettato a Chiavari (Genova), all’interno della rassegna FilmGreed16, organizzata dalla UICC – Unione Italiana Circoli Cinema e dal Circolo cinema Dodes’ka-den con il patrocinio del MIBACT.

Animeland è un vero proprio viaggio tra cartoni animati giapponesi e non, manga, anime e cosplay, attraverso ricordi, aneddoti e sogni di personaggi degli ambiti più disparati il cui immaginario e la cui vita sono stati influenzati da fumetti e cartoni animati. Da Heidi a Goldrake, da Jeeg Robot a Dragonball e Naruto, passando per Holly e Benji, L’incantevole Creamy e Ken il guerriero, dalla fine degli anni Settanta è iniziata in Italia una vera e propria invasione “animata” giapponese. Animeland, più che un film è un “documento” che intende ricostruire e ripercorrere tutto quello che erano e sono poi diventati manga, anime e cosplay in Italia, segnando l’intero immaginario ‘pop’ delle generazioni degli ultimi quarant’anni con robot, maghette e orfanelli!

Numerosi gli intervistati nel film, dall’animatrice e mangaka Yoshiko Watanabe, già assistente di Osamu Tezuka, allo stilista Simone Legno alias Tokidoki, da cantanti come Caparezza, che nelle canzoni spesso introduce citazioni tratte da manga giapponesi, ad attori come Paola Cortellesi – che canta la sigla di un cartone animato della propria infanzia – e Valerio Mastandrea. Ma anche i racconti di Giorgio Maria Daviddi del Trio Medusa e una esclusiva intervista al misterioso cosplay Goldy. Registi italiani quali Maurizio Nichetti e Fausto Brizzi e registi stranieri come Shinya Tsukamoto e il Premio Oscar Michel Gondry, ma anche Masami Suda, animatore di cartoni animati quali Ken il guerriero, Kiss Me Licia e Yoichi Takahashi, autore di Holly e Benji.

Tra i nomi italiani spiccano quelli dei giornalisti Luca Raffaelli, filo conduttore del racconto e di Vincenzo Mollica, ma c’è spazio anche per un sociologo, Marco Pellitteri, per un saggista come Fabio Bartoli e per la squadra dei Kappa Boys, che per primi importarono i manga giapponesi in Italia. Il tutto con le musiche originali di Simone Martino, la consulenza artistica di Fabio Anastasio Zucchi e l’ufficio stampa di Carlo Dutto.
“Ho sempre sognato  – sottolinea il regista – di raccontare i mondi di manga, anime e cosplay a modo mio. E quale idea migliore del farlo coinvolgendo tutti i miei “miti”, creando un film da tutti i loro racconti? Con Animeland ho trovato il modo di poter contribuire a questi immaginari fantastici che hanno influenzato i ragazzi, per generazioni, da fine anni ’70 ad oggi!”.

IL REGISTA
Francesco Chiatante nasce a Taranto nel 1981, videomaker di cortometraggi, documentari, backstage e video. Studia all’Accademia di Belle Arti di Macerata “Teoria e Tecnica della Comunicazione Visiva Multimediale” e si specializza in “Arti Visive – Scenografia”. Approda a Roma nel 2007 per un Master in Effetti Speciali per il cinema. Negli ultimi anni ha lavorato per post-produzioni di film e fiction, collaborato come operatore video e montatore per una serie di progetti documentaristici prodotti e diretti da Franco Zeffirelli, diretto l’episodio ‘Iride’ del film indipendente a capitoli ‘Amores’ (Italia, 2013) e realizzato backstage dei film diretti da Ivano De Matteo ‘Gli equilibristi’ e ‘I nostri ragazzi’ (vincitore del Premio Miglior Backstage 2015 – Festival del Cinema Città di Spello) e della serie TV RAI ‘Il sistema’ diretta da Carmine Elia. Animeland – Racconti tra Manga, Anime e Cosplay, del 2015, è il suo esordio nel lungometraggio.

Anteprima Inhumans vs X-Men #1 (Soule, Lemire, Yu)

Il prossimo 14 Dicembre arriverà in tutti i comic-shop statunitensi Inhumans vs X-Men #1. Pubblicato, ovviamente, dalla Marvel Comics e scritto dal duo Charles Soule – Jeff Lemire e con Lenil Yu ai disegni.

inumani-vs-xmen-cover

L’albo avrà una cover regular e una variant disegnate dallo stesso Yu e altre variant a opera di John Tyler Christopher, Mike Del Mundo, Michael Cho, Kenneth Rocafort, Chip Zdarsky, Wilfred Santiago e Ardian Syaf.

Le conseguenze della serie porteranno alla nascita delle già annunciate testate mutanti.

Dalla sinossi ufficiale:

“Tue razze superpotenti si scontreranno questo dicembre, Mutanti e Inumani combatteranno con il destino delle loro specie in palio! Preparatevi per la battaglia che Charles Soule (Uncanny Inhumans), Jeff Lemire (Extraordinary X-Men) e Leinil Yu (Secret Invasion) vi porteranno nell’esplosivo INHUMANS VS. X-MEN #1!
Le Nebbie Terrigene percorrono il pianeta dando vita a nuovi inumani e avvelenando i mutanti. La tensione raggiunge il punto di ebollizione man mano che il tempo passa e le nebbie si approssimano a saturare l’atmosfera terrestre. L’ultimatum è chiaro: gli X-Men devono distruggere le nebbie oppure la terra diventerà per sempre velenosa per la loro specie. Con le spalle al muro si tratta di vincere ora o di estinguersi. C’è solo un problema: gli Inumani non se ne andranno senza lottare. E stanno richiamando tutti!”

Giovani talenti: Intervista a Riccardo Frezza

riccardo frezza

Abbiamo conosciuto il nome di Riccardo Frezza sulle pagine de I maestri dell’orrore, la collana curata da Roberto Recchioni per Star Comics, quando abbiamo recensito Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde.

Abbiamo invece conosciuto il disegnatore Riccardo Frezza in carne e ossa (e battute pronte, umiltà, simpatia e professionalità) allo stand Star Comics dell’ARF! lo scorso maggio a Roma. Colei che scrive ora e che scrisse allora un antipatico «…la mano di Frezza che non mi induce a troppi complimenti», quel giorno ha capito una lezione fondamentale: non giudicare mai il lavoro di un giovane disegnatore senza aver visto prima come lavora davvero.

Sicuramente a guardarlo lavorare quel giorno ci è venuto il forte dubbio che fosse un altro e non “quel” Frezza (invece era proprio lui), vista la scioltezza del tratto, la capacità di espressione e di tridimensionalità che sa dare ai suoi lavori. Insomma, una mano che mi ha indotto a diversi complimenti e a un outing pubblico, da cui è nata anche la voglia di questa intervista, per conoscere meglio lui e il suo percorso creativo.

Riccardo Frezza Bugs Comics

Riccardo Frezza allo stand di Bugs Comics all’ARF! che disegna per noi.

Per prima cosa Riccardo, ti metto subito in difficoltà: parlando con te mi hai detto che ricordavi il nome della nostra Associazione “grazie” alla recensione sopra citata… Puoi restituire il “favore”, dicci cosa hai pensato quando l’hai letta. Mi piacerebbe anche che ci raccontassi come si è svolto il tuo lavoro in quel preciso caso.

Innanzi tutto ringrazio per l’intervista, che mi dà modo di inveirvi contro per la recensione. Scherzi a parte, quando l’ho letta non ho potuto che essere d’accordo perché il signor Francini è riuscito a pieno a ricreare l’effetto di una Londra nebbiosa e inquietante. D’altro canto, il mio obiettivo era scostarmi dallo stile di Francesco (per riprendere il discorso della dualità del personaggio di Stevenson) perciò ho cercato di accentuare lo stile pulito e netto.

Invece io ho sottovalutato questo fattore… Altra domanda che più o meno nessuno vorrebbe sentirsi rivolgere, ma che puoi rivoltare come ti pare: presentati per chi non ti conosce.

Sarò breve. Il mio percorso di studi è stato totalmente diverso (perito informatico e poi Ingegneria informatica) nonostante la perenne passione per il disegno e il fumetto. Contemporaneamente al lavoro da programmatore ho frequentato la Scuola internazionale del fumetto nel 2008 e poi ho deciso di fare il salto nel buio e provare appunto la strada del fumettista (e per questo ringrazio chi ha avuto fiducia in me e mi ha incoraggiato e sostenuto).

Jekyll e Hyde Riccardo Frezza

Una delle tavole “incriminate” su I maestri dell’orrore…

Quindi hai lasciato il tuo lavoro precedente per dedicarti solo al disegno: cosa rappresenta questa passione,  e quindi il fumetto, nella tua vita?

Beh, è sicuramente una parte importante. Mi ricordo sempre la frase della canzone di Lorenzo Jovanotti, Baciami ancora: «La tua vera natura, la giustizia del mondo che punisce chi ha le ali e non vola». Penso che avere un dote e non sfruttarla sia uno spreco. Io la vedo così. C’è il dovere intrinseco (condizioni della vita permettendo) di usare ciò di cui la natura ci ha fatto dono. L’obiettivo perciò è quello di riuscire a usare queste ali sempre meglio e continuare a volare.

Qual è il tuo stile di disegno preferito, la tecnica che usi meglio o che è più nelle tue corde?

Beh, diciamo che è una ricerca/problema a cui ancora non ho trovato soluzione. Sicuramente è il dilemma di ogni disegnatore, trovare un segno proprio, riconoscibile, mentre si cerca di rubare un po’ dai propri autori di riferimento. Cerco di ispirarmi a autori che usano delle ombre nette e altri per l’espressività dei personaggi, altri ancora per il dinamismo. L’unica cosa che posso dire con certezza che sono ancora alla ricerca.

Mr Hyde Frezza

Mano libera o computer?

Lavorare in digitale può essere un aiuto perché velocizza molto, ma riuscire a riprodurre alcuni effetti che solo la carta e l’inchiostro sa dare, richiede una ricerca notevole in tal senso. Attualmente lavoro in digitale, ma ogni tanto faccio prove di inchiostrazione a mano.

Qual è stato il primo fumetto che hai letto o che comunque ha ricoperto un ruolo importante per te?

Ripensandoci, i fumetti io li rubavo. Ti dirò quelli più importanti. Il primo sicuramente è stato Topolino, che probabilmente rubavo a mio fratello. Adoravo quello sfigato di Paperino. Verso i dieci anni credo (non faccio molto affidamento sulla mia memoria) ho scoperto Alan Ford e I Fantastici Quattro (rubandoli all’allora cognato) e poi al liceo ho cominciato a seguire i manga rubandoli a un mio compagno di scuola (principalmente Vagabond di Takehiko Inoue e Video Girl Ai e I’s di Masakazu Katsura, di cui ammiravo rispettivamente la cura maniacale dei dettagli e, ovviamente, i fondoschiena). Finite le scorte da rubare ho dovuto cominciare a comprarli. Spider-man è venuto sicuramente dopo e Dylan Dog (ahimè) per ultimo, però me ne sono innamorato.

C’è un artista, un disegnatore, a cui ti ispiri o che vorresti arrivare a emulare?

Ce ne sono diversi. Indipendentemente dal mio stile attuale (dilemma perenne, come dicevo) quello che posso dire è che sulla mia scrivania sono onnipresenti il “Texone” di Corrado Mastantuono, il Torpedo di Bernet, e il Ken Parker di Milazzo. E poi seguo tanti autori più recenti, anche attraverso i social, come Samnee, J.P. Leon, Tommy Lee Edwards, tanto per citarne alcuni.

Frezza Bugs comics

Tavola in esclusiva, “Le esequie durature”, testi di Giuseppe Congedo, che uscirà su Mostri n. 6 edito da Bugs Comics.

Cosa pensi del panorama fumettistico italiano degli ultimi anni? Molti ritengono che sia in pieno vigore e rinascita, altri che è sempre allo stesso livello qualitativo ma è solo la sensibilità dei lettori che è cambiata… Da giovane disegnatore, come la vedi?

Qui si entra in un discorso delicato e di cui non credo di avere nemmeno un quadro preciso. Mi capita spesso di sentire persone che non seguono i fumetti dire “ma chi se li compra più i fumetti?”. È chiaro che la percezione sia sempre soggettiva e ristretta al proprio range di interessi. Per quel che riguarda la qualità, credo sia aumentata, forse anche per restare al passo con l’avanzamento della qualità in fatto di animazione grafica, ad esempio dei cinecomics. Le inquadrature sono sempre più complesse, i dettagli sempre più ricchi. Lo spettatore non si accontenta più. Inoltre, i social network permettono ora di raggiungere un pubblico molto più vasto e creare una schiera di “follower” ad hoc. Penso quindi che ci sia stata un’evoluzione del mercato in risposta ai cambiamenti tecnologici, e (ora non conosco di preciso i report di vendite delle case editrici) la mia di percezione è che sia in rinascita.

Mr Hyde-Frezza

La rivincita di Frezza contro Mr Hyde…

Hai altre passioni oltre al disegno? Quanto, secondo te, Arte, Letteratura e Cinema sono importanti per un disegnatore, per creare il proprio universo cognitivo e creativo?

Mi piace leggere di filosofia, psicologia e scrivere poesie. Amo l’arte in generale. Arte, Letteratura e Cinema sono fondamentali. La fantasia è una componente indispensabile per un disegnatore. Per definizione la fantasia è la capacità della mente di creare situazioni e figure che non si hanno nella realtà, o comunque di elaborare quelle reali. Perciò più allarghiamo il nostro bagaglio culturale, più leggiamo, osserviamo, più il nostro cervello sarà in grado di creare fantasie complesse.

Passiamo a domande più leggere: a cosa stai lavorando ora? E soprattutto (per le tue fan): ti troveremo a Lucca? Possiamo venire a darti fastidio?

Attualmente ho finito un paio di storie brevi per due giovani case editrici Bugs Comics e Noise Press. Le storie usciranno rispettivamente su Mostri n. 6 e su Dead Blood n. 4.
Al momento continuo a collaborare con loro e poi ci sono altri progetti in parallelo.

A Lucca sicuramente mi troverete agli stand delle due rispettive case, a fare sketch e a scherzare con chi vorrà fare un salto a salutarmi. Siete i benvenuti!

Frezza Dead Blood Noise Press

Tavola in esclusiva, “Punture e veleni”, testi di Andrea Guglielmino che uscirà su Dead Blood n. 4 edito dalla Noise Press.

Bene allora, tutti a Lucca! Nell’attesa suggeriscici un fumetto da leggere e un film da guardare, così da poterne fare critiche costruttive sui Social network…

Wow, questa è una bella domanda. Mi metti in difficoltà. Ti dico subito che passo sui film!

Facciamo così.
Anche se, a parte quelli Bonelli che seguo assiduamente, ne ho letti pochi altri ultimamente, ti dico due fumetti, per compensare il film. Uno che ho letto ultimamente e uno più vecchio.
Il primo è La Principessa Spaventapasseri di Federico Rossi Edrighi (tra l’altro “compagno di collana” nei I maestri dell’orrore) che ho apprezzato molto, e poi un fumetto di qualche anno fa che però a me è piaciuto tanto, vista la mia passione per la filosofia, ed è Sin Titulo di Cameron Stewart, che intorno al concetto di “idea” tanto caro a Platone sviluppa una trama veramente avvincente.

Noi di Dimensione Fumetto non possiamo far altro a questo punto che ringraziare di cuore Riccardo, augurargli tutta la fortuna che merita, e aspettare i suoi nuovi lavori. Tenetelo d’occhio!

Marvel ResurrXion: Il ritorno degli X-Men nel mondo dei supereroi

La scorsa settimana la Marvel ha pubblicato, come da sua recente consuetudine, una serie di teaser relativi all’universo mutante. Dopo quelli che lo stesso editore ha definito “anni nell’oscurità” per i mutanti ResurrXion viene descritto come un “domani colorato”.

resurrxion-marvel-comics

Stando all’editor Mark Paniccia, l’obiettivo di questa nuova ResurrXion è quello di riaffermare il ruolo di Eroi degli X-Men.

generationx“Gli X-Men sono eroi. Dell’universo Marvel. Questi mutanti hanno salvato il mondo talmente tante volte che meritano di essere chiamati così” ha detto Paniccia a Newsarama.

“Senza anticipare troppo in merito al finale di Inhumans vs. X-Men, gli X-Men stanno vivendo con una nube sospesa sopra le loro teste – letteralmente” ha aggiunto l’editor Daniel Ketchum. “Questa è la storia di cosa accade dopo. Gli X-Men hanno un futuro ora. Cosa ne faranno?”

Una delle prime cose sarà il ritorno delle tradizionali partite di softball utilizzate da Chris Claremont per alleggerire i toni ed esplorare i rapporti tra i membri del gruppo. L’intento è quello di rifarsi al periodo seminale degli X-Men (legato al lavoro di Claremont) che ha fatto la fortuna delle testate mutanti in passato.

“Ora che l’Estinzione non sta più fissandoli in volto gli X-Men possono respirare e volgere la loro attenzione a quello che li ha definiti sin dall’inizio: proteggere un mondo che li odia e li teme” ha continuato l’editor “I nuovi titoli non rappresenteranno gli X_Men come una specie in lotta per la sopravvivenza ma come supereroi […] Avranno costumi con mantelli, una scuola e le partite di softball”

Ketchum nomina esplicitamente l’era Claremont/John Byrne come il punto di partenza delle testate del 2017.

icemanEntrando nel dettaglio degli albi Ketchum ha detto che IcemanJean Grey, pur essendo personaggi cardine di”All-New All-Different Marvel” nella serie Extraordinary X-Men, non hanno avuto finora abbastanza spazio.

Generation X rivisiterà in chiave moderna e “fresca” il classico tema della scuola per mutanti che è stata il fondamento della gestione Claremont.

Dall’altro lato Weapon X sarà il titolo più “dark” del pacchetto. Stando a Paniccia i contenuti saranno “viscerali e shockanti”

Le testate principali saranno ovviamente X-Men GoldX-Men Blue. Gli editor ancora non hanno dato dettagli sui membri dei due gruppi e sugli obiettivi dei due team ma li hanno definiti la “quintessenza degli albi degli X-Men” e che i team creativi saranno in competizione tra di loro per avere il favore dei lettori convinto che questi ultimi si divideranno partigianamente, ed entusiasticamente, in “Team Gold” e “Team Blue”.

AT&T Acquista la Warner Bros. (e la DC Comics)

Stando al Wall Street Journal AT&T Inc., il colosso della telefonia statunitense, è interessata all’acquisizione della Time Warner Inc. – gruppo che include la Warner Bros. e la DC Entertainment – e pare che le trattative siano in una fase avanzata. A seguito di queste voci lo scorso venerdì il titolo della Warner Bros. ha guadagnato il 9.6% in borsa mentre quello della AT&T ha perso 2.6%.

dc-warner

Pare che la AT&T sia interessata ad espandersi nella direzione della creazioni di contenuti per i propri canali per cui principalmente punta al pacchetto cinematografico e televisivo (la Time Warner controlla anche la HBO). Già nel 2014 la 21st Century Fox tentò, fallendo, l’acquisizione del gruppo  Time Warner in 2014, offrendo 80 miliardi di dollari.

Stando ad altre fonti (Il Sole 24 Ore) si delinea anche la possibilità di una fusione.

Superman e Batman avranno presto un nuovo capo?

EDIT (ore 20.00 di sabato 22 Ottobre): la notizia di pochi minuti fa è che l’acquisto è stato ufficializzato per circa 86 miliardi di dollari

Il fumetto Marvel in digitale

– Comunicato Stampa –

Oltre un centinaio di best seller Marvel saranno disponibili in italiano, francese e tedesco

itunes-1Modena–New York, 21 ottobre 2016 – L’editore americano Marvel Entertainment, che ha in catalogo i più celebri super eroi a fumetti al mondo, tra cui Spider-Man, Capitan America, Iron Man, Vedova Nera e molti altri, unisce ancora una volta le forze con l’editore modenese Panini Comics, per lanciare collection e volumi a fumetti in digitale tradotti in italiano, francese e tedesco.

I fumetti dei super eroi Marvel tradotti saranno infatti lanciati in edizione digitale in contemporanea mondiale e disponibili su tablet, smartphone e ogni altri tipo di device elettronico, con un catalogo iniziale di oltre cento volumi tra cui alcuni dei più grandi titoli Marvel di sempre, come Civil War, Avengers, Ms. Marvel, Deadpool e molti altri. Di mese in mese il catalogo si arricchirà inoltre con uscite sempre nuove, in modo da consentire un’immersione ancora più profonda nell’Universo Marvel.

“L’arrivo dei titoli Marvel in formato digitale doveva succedere da tempo e, probabilmente, è uno dei lanci di e-book più atteso di tutti i nostri mercati. Siamo molto orgogliosi di aver contribuito e di avere ampliato l’esperienza Marvel in italiano, francese e tedesco anche alle nuove piattaforme digitali”, afferma il direttore editoriale del gruppo Panini, Marco Lupoi.

“Marvel ormai è un brand globale che ha numerosissimi fan in tutto il mondo”, dice David Gabriel, vice presidente con delega alle vendite e al marketing di Marvel. “La partnership con Panini ci permette di raccontare la storia della Marvel, ricca di storie piene d’azione, anche a nuovi lettori curiosi di scoprire le avventure degli Avengers, di Spider-Man, di Pantera Nera e del resto dell’Universo Marvel”.

I fumetti digitali Marvel tradotti da Panini saranno in vendita nelle migliori piattaforme digitali della rete, tra cui ComiXology, Amazon Kindle, Google Play Libri, Apple iBooks, Kobo Books e molti altri ancora.

Tutti i dettagli sul lancio e sul piano di pubblicazione del patrimonio digitale Marvel tradotto da Panini saranno svelati in occasione della comic convention Lucca Comics & Games 2016, nel corso della conferenza Marvel che si terrà a partire dalle ore 14 il giorno sabato 29 ottobre presso la Chiesa di San Giovanni, e saranno disponibili sul sito www.paninicomics.it e sulle pagine Facebook Panini Digits Italia e Panini Comics.

 

 

PANINI FREE COMIC BOOK DAY

– Comunicato Stampa –

Il 2 e il 3 dicembre in tutti i negozi aderenti all’iniziativa la giornata del fumetto gratuito targato Panini Comics

Modena, 19 ottobre 2016. Nasce il Panini Free Comic Book Day: una due giorni all’insegna dei grandi fumetti Panini Comics… gratis!

Il 2 e 3 dicembre saranno disponibili infatti, in tutte le fumetterie aderenti all’iniziativa, sei albi speciali Panini Comics a distribuzione gratuita dai contenuti inediti: CIVIL WAR II/I NUOVISSIMI AVENGERS; RUMBLE; HAN SOLO; LA GUARDIA DEI TOPI; TOPOLINO, VERSO IL 2017; IL MONDO DI PK.

Il Free Comic Book Day, la giornata del fumetto gratis, vede la luce negli Stati Uniti nel 2001, sull’onda del rinnovato interesse nei confronti dei comics generato dalle produzioni hollywoodiane. L’iniziativa, che da tradizione si svolge oltreoceano tutti gli anni ogni primo sabato di maggio, vuole introdurre le nuove generazioni alle gioie della lettura, riportare in fumetteria i lettori che si sono per qualche motivo allontanati e ringraziare in maniera tangibile i rivenditori e i lettori abituali per il loro supporto continuo.

Per il Free Comic Book Day, le principali case editrici statunitensi stampano albi creati appositamente, in cui promuovono i personaggi e gli eventi di spicco del proprio parco testate, che vengono distribuiti gratuitamente in fumetteria nel corso della giornata. Una grande festa per il mondo del fumetto americano che nel 2016 ha segnato cifre record, con più di 2.300 negozi aderenti all’iniziativa, oltre 6 milioni di fumetti distribuiti, moltissimi eventi collegati e una grande copertura da parte dei mass media, con effetti benefici per tutta l’industria dei comics.

Panini Comics porta in Italia questa meritorio progetto, destinato a lasciare il segno, con sei albi da non perdere realizzati per l’occasione, che fanno riferimento ad aree diverse del ricchissimo catalogo di titoli dell’editore.

Gli albi speciali a distribuzione gratuita che troverete in tutte le librerie aderenti saranno:

civil-war-ii_fpcdCIVIL WAR II/I NUOVISSIMI AVENGERS

di B. M. Bendis (S), Jim Cheung (D), M. Waid (S), Alan Davis (D)

32 pagine, autocopertinato

Due storie inedite ed esclusive – che non verranno ripubblicate né nel quindicinale dedicato ai Vendicatori né nei 9 numeri che compongono il nuovissimo grande evento Marvel – che raccontano un momento fondamentale della Seconda Guerra Civile dei Super Eroi (farete un balzo nel futuro insieme ai protagonisti della serie) e un viaggio al centro di un Sintezoide (proprio come nel passato). Un albo gratuito imperdibile per tutti i Marvelliani DOC!

 

rumble_fpcdRUMBLE

di J. Arcudi (S), J. Harren (D)

32 pagine, autocopertinato

“Uno spaventapasseri entra in un bar…”. Non è così che cominciano tutte le migliori storie? Di sicuro è così che comincia Rumble, uno stupendo fantasy urbano che unisce antiche divinità in pensione e giovani teenager senza speranza in una quest per il futuro dell’umanità. O forse solo per un appuntamento galante. Leggete tutto il primo capitolo della nuova serie Panini Comics 100% HD in questa preview gratuita!

 

 

han-solo_fpcd

HAN SOLO

di M. Liu (S), M. Brooks (D)

32 pagine, autocopertinato

Han Solo, la canaglia più amata dell’universo, è in missione per conto della Ribellione. È incaricato di liberare una serie di informatori e spie. La sua copertura? Soltanto la più grande e famigerata corsa di astronavi della Galassia! Proprio quella che Han ha sognato di vincere per tutta la sua vita. Riuscirà a restare focalizzato sulla missione? Scopritelo in questa emozionante preview gratuita da una Galassia lontana, lontana!

 

 

 

la-guardia-dei-topi_fpcdLA GUARDIA DEI TOPI

di David Petersen, Skottie Young, Nicole Gustafsson, C.M. Galdre

32 pagine, autocopertinato

L’epico scenario fantasy immaginato da David Petersen, che presto approderà sul grande schermo in un lungometraggio animato, prende vita in questo albo che contiene ben tre storie brevi, firmate dal creatore della saga e altri autori cult. Un antipasto del volume La Guardia dei Topi – Leggende 3, in arrivo a dicembre e un’anteprima da Baldwin il Prode e altre storie, l’ultimo tomo della saga, previsto in uscita nel 2017.

 

TOPOLINO, VERSO IL 2017

32 pagine, autocopertinato

Contiene le anticipazioni della nuova saga di Wizards of Mickey e della storia natalizia di Casty!

IL MONDO DI PK

24 pagine, autocopertinato

Contiene due storie brevi di PK e l’anticipazione della nuova saga!

L’elenco completo dei negozi aderenti al Panini Free Comic Book Day sarà comunicato sul numero 303 del mensile di informazione per fumetterie Anteprima, in uscita a novembre, sulle principali testate Marvel di novembre, nonché su tutti i canali social dell’editore.

Nella giornata del 3 dicembre si terrà inoltre un evento nell’evento, un Panini Comics Impact! presso il Panini Store di Via Testoni a Bologna, durante il quale editor e coordinatori editoriali della casa editrice illustreranno tutte le novità del 2017 con ospiti a sorpresa.

Segnate sul calendario queste date: il 2 e il 3 dicembre correte in fumetteria, c’è il Panini Free Comic Book Day!

Tunué a Lucca Comics & Games 2016

– Comunicato Stampa –

Sta finalmente per arrivare il Lucca Comics & Games 2016, uno degli appuntamenti fieristici più seguiti e importanti d’Europa.
Da venerdì 28 ottobre fino a martedì primo novembre la Tunué sarà quindi nella bella provincia toscana, e più precisamente allo stand E140, al centro di piazza Napoleone, di fronte alla statua. 

Una larga parte del palcoscenico sarà dedicata, come di consueto, all’universo di Monster Allergy, che approderà a Lucca con Monster Allergy Domulacrum, del team CentomoArtibaniBarbucciCanepa, per la collana Tipitondi, il nuovo, incredibile capitolo della serie, che sarà presente a stand con tutti i prodotti usciti finora, dai cofanetti agli spillati fino alla Monster Allergy Collection 1, i primi tre episodi delle avventure di Zick ed Elena Patata, in una cornice, quella di Oldmill Village, popolata da creature mistiche e mostruose: una girandola continua di invenzioni e colpi di scena. Un mondo, quello di MA, che si potrà ritrovare anche nel Monster Allergy restaurant, al ristorante Gli Orti di via Elisa, in via Elisa 17 a Lucca, all’interno di un ambiente completamente dedicato all’universo di Zick ed Elena Patata.

Per Tunué a Lucca ci saranno ben 28 autori, come potete vedere nell’elegante tabella qui sotto, con i giorni e gli orari precisi delle loro presenze a stand.
tunu_lucca2016

Altro elemento fondamentale in quel di Lucca saranno le novità, mai come quest’anno di portata devastante; due esempi su tutti: L’approdo di Shaun Tan, per la collana Mirari, che esalta il potere della narrazione silenziosa, in un classico contemporaneo realizzato da un premio Oscar, e Il graphic novel. Storia del romanzo a fumetti e del rapporto fra parola e immagine, di Andrea Tosti per la collana Lapilli Giganti, un viaggio alle origini del romanzo illustrato: la nascita, lo sviluppo e tutte le sfaccettature di uno stile di narrazione sempre più in crescita. Un saggio completo e dettagliatissimo, fondamentale per addetti ai lavoristudiosi e semplici appassionati del graphic novel.

Mentre sono due gli eventi da non perdere per nessuna ragione: quello del 29 ottobre alle 17, quando, nello spazio Si6 – Auditorium Fondazione Banca del Monte, si terrà la presentazione dell’importantissimo saggio di Andrea Tosti Il graphic novel, in un appuntamento dal titolo: Graphic novel – la storia del romanzo grafico ieri e oggi. Altre date cruciali saranno quelle che vanno dal 26 ottobre al 3 novembre, con l’esposizione delle tavole del graphic novel Dorando Pietri allo SmArt Hotel Bartolini di Montecatini Terme, a pochi chilometri dalla fiera. Qui saranno esposte le immagini del lavoro targato Antonio Recupero e Luca Ferrara, e dedicato all’epopea di Dorando Pietri, l’atleta emiliano che, pur tagliando per primo il traguardo alla maratona dei giochi olimpici di Londra nel 1908, perse la medaglia d’oro.

Non mancheranno come sempre anche gli ambienti completamente targati Tunué, come la libreria Tunué, nei pressi di piazza Napoleone. Nel cuore dell’appuntamento fieristico, infatti, ci sarà una libreria targata Tunué: la libreria Pensieri Belli, che per l’occasione diventerà ovviamente libreria Tunué. La struttura ospiterà una larga parte del nostro catalogo, nonché molti dei nostri autori, che si recheranno lì per autografi, sketch e chiacchiere con i lettori.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi